peyrani
Home » Authority, Centro, Legislazione, News, Trasporti » LA CONVENZIONE STATO – TIRRENIA NEL MIRINO DELLA CAMERA

LA CONVENZIONE STATO – TIRRENIA NEL MIRINO DELLA CAMERA

ROMA – Il gruppo Onorato Armatori è da qualche ora sotto il fuoco incrociato sia della Camera dei Deputati che dell’Antitrust. Quest’ultima è intervenuta ufficialmente solo poche settimane fa per accertare le presunte condotte ritorsive che Moby – Cin avrebbe ordito a danno di alcune società di autotrasporto sarde. Vale a dire, il refrain sarebbe sempre il tanto vituperato abuso di posizione dominante dato che il gruppo Onorato Armatori controlla – secondo le recenti statistiche –  circa l’87% di tutte le tratte merci da e per la Sardegna.

Ed è sulle orme dell’istruttoria avanzata dall’Antitrust che si è aperto un nuovo fronte in seno alla Camera dei deputati per il gruppo Onorato Armatori. A tal proposito, i deputati del gruppo misto, Mauro Pili e Giuseppe Pisicchio, hanno depositato martedì scorso un’articolata e urgente interpellanza con la quale hanno consegnato ai lavori parlamentari una corpulenta ricognizione circa lo status quo dei collegamenti marittimi – aerei da e per la Sardegna.

Così come recita l’interpellanza rivolta al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, “le condizioni di trasporto sono oramai al collasso” grazie alla complicità dei soggetti agenti interessati: tra i tre fonti del disastro, cosi scrivono Pili e Pisicchio, “vi è la continuità marittima con un taglio netto di servizi e il mantenimento di una convenzione di 72 milioni di euro all’anno totalmente ingiustificato, considerato che altre compagnie svolgono lo stesso servizio a costi più bassi e senza alcun contributo pubblico.

Tenuto conto dell’apertura dell’indagine da parte dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato sulla Cin – Tirrenia, si rende indispensabile la revoca immediata della convenzione tra il Ministero e la compagnia di navigazione. Si configura, tenuto conto dell’abbattimento dei costi del carburante e del mancato adeguamento sia delle compensazioni che delle stesse tariffe, un danno senza precedenti con possibili gravi responsabilità per coloro che stanno liquidando le risorse alla società suddetta”.

I promotori dell’interpellanza hanno così articolato il proprio appello al Mit stigmatizzando – il richiamo all’istruttoria Antitrust è più che mai lapalissiano – come il mancato carico – imbarco di mezzi gommati, rimorchi e semi rimorchi, carichi anche di merci reperibili costituisca generalmente una condotta di dubbia legittimità soprattutto se avviene per opera di un soggetto preposto all’erogazione di un servizio pubblico di continuità territoriale”.

Nell’attesa che il Gruppo Onorato Armatori possa chiarire la propria posizione, sarà interessante scoprire l’imminente – spero non sia un eufemismo – posizione del Governo nel merito della querelle.

 

Stefano Carbonara

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. UCINA: LA NAUTICA APPRODA ALLA CAMERA DEI DEPUTATI
  2. La riorganizzazione della portualità pugliese: convegno di Raccomar e Camera di Commercio a Brindisi
  3. La Camera boccia nomina di Villari a Napoli ma rinnova Forcieri a La Spezia
  4. IMO: il Segretario Generale saluta l’entrata in vigore della Convenzione sul lavoro marittimo
  5. Tirrenia: accordo firmato e lavoratori salvi

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=38303

Scritto da Stefano Carbonara su mag 14 2016. Archiviato come Authority, Centro, Legislazione, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°3

BRINDISI - In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alle crociere, a livello nazionale ed internazionale, con i nuovi dati di Risposte Turismo: dalla classifica dei porti italiani in base al numero di croceristi alle previsioni per il 2018 con i programmi dei porti già fissati con le grandi compagnie. Poi un focus di Stefano Carbonara sul cyber crimine applicato al mondo dello shopping con lo contromosse necessarie. Da Assologistica arrivano anche le indicazioni per il mondo dei porti e non solo, con tendenze e lacune da colmare. Ad Ancona, Napoli, Trieste, Venezia, Brindisi e Livorno sono dedicati tanti servizi sulle ultime notizie che giungono da questi scali dopo la riforma dei porti..
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab