Home » Europa, Infrastrutture, News, Trasporti » L’Europa e la sfida ai cambiamenti climatici

L’Europa e la sfida ai cambiamenti climatici

BRUXELLES – E’ dell’altro giorno la proposta di Regolamento del Parlamento Ue e del Consiglio che modifica il regolamento (EU) 2015/757 per tenere debitamente conto del sistema globale di rilevazione dei dati sul consumo di combustibile delle navi. Se ne parla da molti anni che i cambiamenti climatici sono una sfida che deve essere affrontata con urgenza.

L’accordo di Parigi mira pertanto a contenere l’aumento della temperatura globale sotto di 2°C rispetto ai livelli preindustriali; e con l’impegno di limitare ulteriormente detto aumento a 1.5°C tramite una forte riduzione delle emissioni di gas a effetto serra in tutti i Paesi. Le emissioni causate dal trasporto marittimo internazionale sono stimate a circa ventitré punti percentuali delle emissioni globali di gas a effetto serra, superiore a quella delle emissioni di qualunque stato dell’Ue.

Senza misure di mitigazione sulle emissioni da navi e con l’aumento dei volumi del commercio marittimo, il problema della salvaguardia ambientale porterà inevitabilmente a crisi climatiche di difficile controllo. Uno studio dell’IMO rileva: entro il 2050 le emissioni del trasporto marittimo a livello mondiale potrebbero aumentare tra il 50% e il 250% in funzione dell’evoluzione economica ed energetica. Senza un intervento di contrasto, si rischia di mettere a repentaglio gli obiettivi dell’accordo di Parigi e gli sforzi compiuti in altri settori.

Il Regolamento MRV (Monitoring, Reporting, Verification) dell’Ue è stato elaborato nell’intento di raccogliere dati solidi e attendibili sule emissioni di CO2 di tutte le navi di stazza lorda superiore a 5.000 tonnellate che fanno scalo  dello Spazio Economico Europeo (SEE), comprese le emissioni di CO2 delle navi suddette nei porti. Fornire informazioni  per le future decisioni politiche nell’ambito dell’efficienza energetica. Assicurare, inoltre, la necessaria trasparenza sui dati per stimolare la diffusione di nuove tecnologie e misure operative per rendere le navi più eco-compatibili.

Secondo il regolamento MRV dell’Ue, le società di navigazione devono comunicare il volume annuale di emissioni di CO2 lungo le tratte effettuate dalle loro navi da e verso i porti del SEE. Gli obblighi per le società di navigazione sono iniziati nel 2017 con la preparazione dei piani di monitoraggio e verificatori accreditati. Il monitoraggio del consumo di carburante, delle emissioni di CO2 e dell’efficienza energetica è iniziato nel 2018 e le prime relazioni sulle emissioni sono attese per aprile 2019; mentre entro il 30 giugno 2019 le società di navigazione si dotare del Documento di Conformità da parte del verificatore accreditato (da conservare a bordo della nave) e presentare le informazioni verificate alla Commissione e allo Stato di bandiera della nave.

Di conseguenza, dal gennaio 2019 le navi che effettuano attività di trasporto marittimo connesse al SEE dovranno adempiere gli obblighi di monitoraggio e di comunicazione assunti nell’ambito sia del regolamento MRV dell’UE che del DCS globale IMO (Data Collection System).

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Cambiamenti digitali nello shipping
  2. EU: navi obbligo del MRV
  3. UE: IMO regolerà emissioni delle navi
  4. Durban: Cina sui cambiamenti climatici
  5. Clean air at sea: il 2013 sarà Year of Air

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=58399

Scritto da Abele Carruezzo su feb 6 2019. Archiviato come Europa, Infrastrutture, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ai porti con un focus sulla Via della Seta e sulla via Traiana, il concetto dello IoT-Internet of Things, il contratto di ormeggio e il nuovo concetto di New-Port. Poi una riflessione sul principio di passaggio inoffensivo(riprendendo vicende come quella dell'Aquarius, Open Arms e Sea Watch 3). E ancora, approfondimenti sul potere amministrativo delle AdSP, Mare 2.0 e sulla navigazione delle navi e non delle merci.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab