Home » Italia, Legislazione, News, Trasporti » UN PIANO DI TUTELA PER I LAVORATORI DEI PORTI

UN PIANO DI TUTELA PER I LAVORATORI DEI PORTI

Piano organico porto
La nuova riforma sulle autorità di sistema si dovranno dotare di un -piano organico porto- flessibile e dinamico?

In merito riceviamo e pubblichiamo una nota di Felice Magarelli, dell’Autorità di Sistema portuale del Mar Ionio.

 

Le profonde trasformazioni in atto nel panorama portuale italiano, riconducibili essenzialmente a fenomeni come il gigantismo navale, l’automatizzazione delle operazioni portuali, l’avanzamento dell’I.C.T. (Information and Communications Technology) e ad altri fattori contingenti, hanno inevitabilmente riguardato anche i lavoratori delle imprese ex artt. 16, 17 e 18, L. n. 84/1994.

Alla luce di tali cambiamenti, il legislatore ha dunque inteso prevedere una sorta di tutela rafforzata per gli operatori, che attraverso una ricognizione strutturale dell’organizzazione produttiva/operativa, potesse risolvere o quantomeno ridurre, le numerose e fisiologiche criticità correlate all’avvento di questi processi.

In quest’ottica, l’avvertita esigenza di una programmazione complessiva della materia (lavoro portuale), ha pertanto dato vita al cosiddetto “Piano Organico Porto” contenuto nel d.lgs. n. 232/2017, meglio noto come Correttivo Porti.

Il provvedimento in questione, affida al Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale, l’adozione del piano concernente gli addetti alle imprese sopraccitate, previa delibera del Comitato di Gestione e ascoltato il parere della Commissione Consultiva.

Il documento, di valore strategico, ha validità triennale, è sottoposto a revisione annuale ed estrinseca i propri effetti in tema di analisi dei fabbisogni lavorativi, non producendo inoltre alcun vincolo per i soggetti titolari di autorizzazioni e concessioni, ad eccezione dei relativi progetti di impresa e di traffico.

Il vertice dell’ente portuale, sentito il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e l’Agenzia nazionale per le Politiche Attive del Lavoro, può adottare questo piano di intervento, finalizzato sostanzialmente alla formazione professionale per la riqualificazione, la riconversione o la ricollocazione della forza lavoro.

A mio parere, si tratta di uno strumento assolutamente importante, in quanto oltre a ripristinare la centralità del lavoro umano, consente altresì di assicurare maggiori tutele ad una categoria (lavoratori portuali), che malgrado la presenza sempre più ingombrante rappresentata dagli eventi cui si è fatto precedentemente cenno (evoluzione tecnologica, gigantismo navale, ecc.), risulta essere insostituibile per lo svolgimento delle attività portuali e il buon funzionamento di un settore nevralgico per l’economia del nostro Paese.

 


Felice Magarelli

Leggi anche:

  1. PORTI: Sindacati, firmato protocollo di cooperazione transnazionale per lavoratori Eurokai
  2. Presentato “Il patto per la tutela e la crescita del lavoro”
  3. Delrio: “Il Piano dei porti indica la direzione per la ripresa”
  4. Delrio: “Al via piano dei porti. Investimenti per un miliardi euro”
  5. Porti: sciopero nazionale di 24 ore dei lavoratori dei porti per il 6 marzo

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=59253

Scritto da Redazione su mar 20 2019. Archiviato come Italia, Legislazione, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab