Home » Italia, News, Trasporti » La Provincia di Brindisi presente all’avvio del “Piano strategico verso 2028” di Aeroporti di Puglia

La Provincia di Brindisi presente all’avvio del “Piano strategico verso 2028” di Aeroporti di Puglia

Bari-Il Presidente della Provincia, Riccardo Rossi, e il consigliere provinciale delegato ai trasporti, Piero Iaia, hanno preso parte in data odierna ad un incontro, a Bari, per la presentazione del “Piano strategico verso il 2028 di Aeroporti di Puglia”. Ha relazionato il presidente del CdA di Aeroporti Puglia, Tiziano Onesti.

Argomento centrale della relazione del presidente Onesti è stato quello riguardante le principali azioni per lo sviluppo del traffico aereo degli scali aeroportuali di Bari e Brindisi, sia a breve, che a medio e lungo periodo.

Si inizierà per i prossimi due anni con la diversificazione delle offerte e con un incremento del “market share” (quote di mercato) per il Nord Europa e i Paesi dell’Est. Si continuerà poi negli anni successivi con un impulso per i voli diretti per la Scandinavia e con Hub europei, per arrivare, alla fine del decennio prossimo, al consolidamento dei collegamenti per la Scandinavia e all’incremento delle offerte per Stati Uniti, Cina e Far East.

“Ci riteniamo soddisfatti di questa giornata – ha detto il presidente Riccardo Rossi – perché il piano di sviluppo generale che ci é stato prospettato lo valutiamo in modo ottimale. Ringraziamo per questo Aeroporti di Puglia per il lavoro che è stato computo a livello programmatico e organizzativo.

Per i prossimi anni è prevista una crescita continua per il sistema Puglia per arrivare a toccare gli 11 milioni di passeggeri in un anno, attraverso anche un potenziamento delle rotte per il Nord Europa e a livello intercontinentale. E anche per Brindisi è previsto un incremento di utenti che poterà ad avere prossimamente, attraverso un aumento delle tratte internazionali, 4 milioni annui di passeggeri in transito dal nostro scalo aeroportuale.

Manterremo intanto tutte le attuali rotte con i maggiori Hub europei, come Parigi, Berlino, Zurigo e tanti altri, e avremo molto presto sette nuove rotte. Ma nelle prossime settimane ci incontreremo con Aeroporti di Puglia per individuare con più dovizia di particolari e in modo più dettagliato lo sviluppo progettuale di nuove rotte”.

In effetti, ciò che è emerso dall’incontro è che nel processo decisionale di sviluppo dello scalo aeroportuale brindisino saranno coinvolte le comunità locali, attraverso proprio i rappresentanti degli enti locali. E, a tal proposito, il presidente Rossi ha avuto già ieri alcuni incontri bilaterali con il management di Aeroporti di Puglia per iniziare ad illustrare le proprie idee di sviluppo inerente lo scalo aeroportuale brindisino.

Leggi anche:

  1. Aeroporti di Puglia e Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale: insieme per un “futuro di Sistema”
  2. Aeroporti in Italia? Piano strategico
  3. Aeroporti di Puglia: necessario un nuovo piano di sviluppo
  4. Aeroporti di Puglia: 21% di crescita nei primi cinque mesi del 2011
  5. Aeroporti di Puglia: “Estate 2011 – Tour operator e vettori incontrano il trade”

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=59502

Scritto da Redazione su mar 27 2019. Archiviato come Italia, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab