Home » Infrastrutture, Italia, News, Trasporti » Firma finanziamento BEI da 120 milioni di Euro

Firma finanziamento BEI da 120 milioni di Euro

E’ stato sottoscritto questo mattina tra Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico  centro settentrionale e Banca Europea degli Investimenti (BEI) il contratto di mutuo da 120 milioni di euro di finanziamento al Progetto HUB PORTUALE di RAVENNA. Tale finanziamento era già stato deliberato, e dunque da tempo era considerato una delle fonti di copertura finanziaria del Progetto HUB ma questa mattina, con la stipula del contratto, si è  conclusa la procedura che lo vede definitivamente assicurato per la somma complessiva di 120 milioni di euro all’Autorità di Sistema Portuale per la realizzazione del Progetto HUB.

Grazie alla firma di oggi, sono stati “blindati” anche i 40 milioni di euro che l’Unione Europea ha destinato, riconoscendone l’importanza quale investimento strategico per la rete logistica europea, al Progetto HUB.

Ai 60 milioni già deliberati dal CIPE (con Delibera pubblicata in Gazzetta Ufficiale nel settembre scorso), si aggiungono dunque in maniera definitiva 160 milioni derivanti da mutuo BEI ed Unione Europea, finalizzati alla realizzazione di questo Progetto, la cui importanza e validità per il futuro sviluppo del Porto di Ravenna sono testimoniate dagli atti questa mattina perfezionati.

Il Progetto, come noto, prevede l’approfondimento dei fondali in avamporto e lungo tutto il Canale Candiano, l’adeguamento (per oltre 6,5 km) ed il potenziamento delle banchine, oltre alla realizzazione di una nuova banchina della lunghezza di oltre 1.000 mt, e la realizzazione di aree destinate alla logistica in ambito portuale per circa 200 ettari, aree direttamente collegate alle banchine, ai nuovi scali ferroviari merci e al sistema autostradale, rappresentando così un unicum nel panorama della portualità nazionale.

L’investimento previsto per il Progetto (I fase) è di 235 milioni di euro. Il Progetto contribuirà ad attivare altri investimenti, anche di soggetti privati, per ulteriori 300 milioni di euro, che comprenderanno la realizzazione dell’impianto di trattamento dei materiali di risulta dell’escavo, investimenti privati nella logistica, l’ulteriore approfondimento del Canale Candiano  sino a 14,50 mt, previsto nella seconda fase del Progetto, e un deposito costiero di GNL.

Leggi anche:

  1. Porto di Livorno: per la Piattaforma Europa 50 milioni di euro dal Cipe
  2. Porto di Trieste: finanziamento di 15,8 milioni di euro per la Piattaforma logistica
  3. Da UE 9,7 milioni di euro per il prototipo di navi semi affondanti
  4. Passera firma decreto da 80 milioni di euro per i porti
  5. Porto di Savona: 33 milioni di euro per lo scalo in arrivo dal governo

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=59693

Scritto da Redazione su apr 1 2019. Archiviato come Infrastrutture, Italia, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ai porti con un focus sulla Via della Seta e sulla via Traiana, il concetto dello IoT-Internet of Things, il contratto di ormeggio e il nuovo concetto di New-Port. Poi una riflessione sul principio di passaggio inoffensivo(riprendendo vicende come quella dell'Aquarius, Open Arms e Sea Watch 3). E ancora, approfondimenti sul potere amministrativo delle AdSP, Mare 2.0 e sulla navigazione delle navi e non delle merci.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab