Home » Italia, Legislazione, News, Trasporti » Confetra al fianco di Anama e dell’intero Cluster Cargo Aereo

Confetra al fianco di Anama e dell’intero Cluster Cargo Aereo

Marcucci: Il Governo riprenda seriamente in mano il dossier

Si è svolto a Milano il tradizionale appuntamento pubblico organizzato da ANAMA – Fedespedi, aderente a Confetra, e dedicato a fare il punto sullo stato di salute del Cargo Aereo in Italia.

I Quality Award sono ormai divenuti un momento centrale nel dibattito tra istituzioni e stackholders del settore. E la vezione aerea delle merci, trainata da e-commerce ed esportazioni principalmente nei settori del lusso, dei farmaci e dell’Alta Gamma, ha scoperto volumi ed attratto investimenti fino a pochi anni fa inimmaginabili. “Ora però non siamo più in quella fase” – ha commentato Nereo Marcucci intervenendo all’evento – “il settore sta conoscendo un certo rallentamento dopo il boom del milione di tonnellate di merce raggiunto due anni fa.

Certo, resta uno dei segmenti della supply chain logistica più dinamici ed innovativi, ma alla congiuntura economica internazionale non proprio felicissima, vanno aggiungendosi i gap competitivi causati da antichi problemi mai risolti. Le performance degli Uffici USMAF in relazione ai tempi di rilascio dei Nulla Osta, ad esempio, che stanno nettamente peggiorando: da Malpensa a Venezia. Così come ancora siamo in attesa dell’estensione del pre-clearing, oramai consolidata realtà in ambito marittimo e contenitori, anche ai controlli doganali sulla merce trasportata via aereo.

Il Piano Nazionale per il Rilancio del Cargo Aereo varato nel 2017 dal Governo,Addendum al Piano Nazionale Aeroporti, è sostanzialmente fermo da oltre un anno. In esso vi erano contenute proposte operative e priorità, condivise con gli operatori, molto spesso peraltro a costo zero. E sarebbe pure molto importante, a partire dall’esperienza di Malpensa, fare il punto e valutare la replicabilità dei modelli più efficaci e innovativi in tema di Airport Community System per la gestione digitale di transiti e informazioni.

Fermo restando che, nel dibattito sul futuro di Alitalia, andrebbe discusso anche il ruolo del Cargo merci: vero asset competitivo di tante compagnie di bandiera straniere e tanti scali aeroportuali europei. Tutti questi elementi li abbiamo recentemente rappresentati anche in Commissione Trasporti, al Senato, in occasione delle audizioni sul DDL Lupo”.

L’edizione 2019 dei Quality Award è stata preceduta dal Convegno Osservatorio Cargo Aereo: diamo i numeri, nel corso del quale è stato presentato dalle Associazioni del Cluster promotrici un Rapporto suIl Trasporto aereo merci in Italia: efficacia ed efficienza rispetto ai principali competitor europei.

Leggi anche:

  1. CLUSTER CARGO AEREO e EY – Osservatorio Cargo Aereo: diamo i numeri!
  2. OSSERVATORIO CARGO AEREO: GLI AEROPORTI ITALIANI SONO COMPETITIVI RISPETTO A QUELLI EUROPEI PER INFRASTRUTTURE, TRAFFICO, SERVIZI E INVESTIMENTI?
  3. Confetra: la 70ma Assemblea Annuale indica le nuove sfide
  4. Trasporto aereo: si accentua la crisi
  5. Il piano nazionale della logistica penalizza il cargo aereo

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=61741

Scritto da Redazione su mag 22 2019. Archiviato come Italia, Legislazione, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ai porti con un focus sulla Via della Seta e sulla via Traiana, il concetto dello IoT-Internet of Things, il contratto di ormeggio e il nuovo concetto di New-Port. Poi una riflessione sul principio di passaggio inoffensivo(riprendendo vicende come quella dell'Aquarius, Open Arms e Sea Watch 3). E ancora, approfondimenti sul potere amministrativo delle AdSP, Mare 2.0 e sulla navigazione delle navi e non delle merci.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab