Home » Authority, Infrastrutture, Italia, News, Trasporti » La partnership fra APM Terminals e ZPMC Italia genera nuova occupazione

La partnership fra APM Terminals e ZPMC Italia genera nuova occupazione

I piani di assunzione del personale e le prospettive per la piattaforma di Vado Ligure

 

Vado Ligure – Il terminal container di APM Terminals, la cui costruzione è oggi arrivata all’85% e che entrerà in servizio il 12 dicembre prossimo, è destinato a generare un numero di posti di lavoro molto rilevante e, a medio-lungo termine, aprirà anche ulteriori scenari positivi sul fronte occupazionale. Tutto ciò avverrà anche grazie ad un’evoluzione della partnership con ZPMC, la società che fornisce ad APM Terminals i mezzi di sollevamento che verranno impiegati sulla piattaforma, curandone anche la manutenzione.

I dettagli del piano di assunzioni e degli accordi per l’occupazione firmati nei mesi scorsi sono stati presentati dal Managing Director di APM Terminals Vado Ligure, Paolo Cornetto, e dall’AD di ZPMC Italia, Elio Crovetto, insieme ai tre Segretari di CGIL, UIL e CISL della provincia di Savona, Andrea Pasa, Claudio Bosio e Gianni Mazziotta, e al Console CULP, Alberto Panigo. Al termine della presentazione è stato firmato un documento di integrazione degli accordi quadro sull’occupazione firmati a dicembre 2018.

Attualmente APM Terminal Vado Ligure Spa impiega direttamente 77 persone (234 se si includono i 157 lavoratori della controllata Reefer Terminal Spa), sulla piattaforma ZPMC Italia ne impiega altri 18. All’apertura del terminal a dicembre 2019, quando solo una parte della banchina e dei piazzali del nuovo terminal sarà disponibile, i lavoratori di APM Terminals e ZPMC Italia saliranno a 267, un numero che va oltre i 237 che erano previsti dall’accordo quadro sull’occupazione siglato a dicembre 2018. Nel 2020, quando il completamento dei lavori sulla banchina renderà il terminal pienamente operativo, i lavoratori complessivamente impiegati dalle due aziende saranno 277 nella prima metà dell’anno e 309 nella seconda. Saranno infine 401 i lavoratori impiegati a Vado da APM Terminals e ZPMC Italia quando il terminal funzionerà a pieno regime.

In questo contesto la scelta strategica da parte di APM Terminals è stata di affidare a ZPMC Italia la totalità delle attività di manutenzione dei mezzi di movimentazione, che necessitano di controlli ed assistenza continue. L’ingresso di ZPMC Italia negli accordi con le organizzazioni sindacali consentirà all’azienda di poter contare, non solo per Vado, su personale altamente specializzato e formato, ma soprattutto costantemente aggiornato.

Leggi anche:

  1. FORMAZIONE PER “GRUISTI PORTUALI”: APM TERMINALS GARANTISCE ALTRE 14 ASSUNZIONI
  2. ARRIVATE A VADO LIGURE LE GRU ZPMC “DI PIAZZALE” COMPLETAMENTE AUTOMATIZZATE, UNICHE IN ITALIA
  3. APM TERMINALS – GRUPPO ORSERO: ACCORDO RINNOVATO PER ALTRI 3 ANNI
  4. SODDISFAZIONE APM TERMINALS, DEL MONTE TORNA A VADO LIGURE
  5. APM Terminals (Maersk) investe 150 mln a Vado

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=61762

Scritto da Redazione su mag 22 2019. Archiviato come Authority, Infrastrutture, Italia, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ai porti con un focus sulla Via della Seta e sulla via Traiana, il concetto dello IoT-Internet of Things, il contratto di ormeggio e il nuovo concetto di New-Port. Poi una riflessione sul principio di passaggio inoffensivo(riprendendo vicende come quella dell'Aquarius, Open Arms e Sea Watch 3). E ancora, approfondimenti sul potere amministrativo delle AdSP, Mare 2.0 e sulla navigazione delle navi e non delle merci.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab