Home » Infrastrutture, Italia, News, Trasporti » PROSEGUE IL PROGETTO PER IL RECUPERO DEGLI IDROSCALI STORICI: LA MINISTRO TRENTA FIRMA UN PROTOCOLLO PER CAGNANO VARANO

PROSEGUE IL PROGETTO PER IL RECUPERO DEGLI IDROSCALI STORICI: LA MINISTRO TRENTA FIRMA UN PROTOCOLLO PER CAGNANO VARANO

Cagnano Varano-Importante nuova tappa del progetto per il recupero degli idroscali storici d’Italia. La ministro della Difesa, Elisabetta Trenta, ha firmato un protocollo d’intesa con il sindaco di Cagnano Varano (Fg), Claudio Costanzucci, per la riqualificazione dell’area militare dell’ex idroscalo Ivo Monti. Si tratta di un complesso di strutture, edificate durante la prima Guerra Mondiale dalla Marina Militare nel tratto lagunare di San Nicola Imbuti del lago costiero di Varano, che ospitarono anche un centro di addestramento per piloti di idrovolanti.

“Alla Difesa stiamo cercando, laddove abbiamo delle risorse che non utilizziamo più, di metterle a disposizione dei territori”, ha spiegato nell’occasione la ministro Trenta. “È una soluzione con la quale vincono tutti: vince la Difesa perché riduciamo i nostri costi, risparmiano e possiamo fare nuove caserme per i nostri militari; vince il territorio perché ha delle risorse che, se ben sfruttate, possono portare sviluppo e sicurezza”.

Alla firma del protocollo d’intesa, era anche presente il presidente dell’associazione Aviazione Marittima Italiana, Orazio Frigino, che ha consegnato alla ministro Trenta una targa ed ha ricevuto una medaglia commemorativa. Dal 2015, l’Aviazione Marittima Italiana ha avviato il progetto delle Giornate di studio sul recupero degli Idroscali Storici d’Italia, in collaborazione con la Caroli Hotels. Le prime si sono già svolte a Gallipoli, Brindisi e Taranto.

“Con il sindaco Costanzucci abbiamo già concordato di organizzare una Giornata di studio anche a Cagnano Varano per la fine del prossimo mese di giugno, allo scopo di valutare la riqualificazione dell’ex idroscalo con l’allestimento di una nuova idrobase, da mettere in rete con le altre già esistenti. Vorremmo anche valutare la fattibilità di collegare con idrovolanti il lago di Varano con le Isole Tremiti con dei voli tecnici sperimentali”.

La prossima Giornata di studio si svolgerà intanto martedì 28 maggio sull’idroscalo storico di Desenzano del Garda (Bs), con la presenza del sindaco Guido Malinverno, del direttore della Task Force Infrastrutture del Ministero della Difesa, Giancarlo Gambardella, del vicepresidente del Comitato Idroscalo Desenzano, Luciano Lizzieri, e di esperti e piloti di idrovolanti. Le successive Giornate si svolgeranno invece fino al novembre 2020 sugli idroscali storici di Ancona, Marina di Pisa, Napoli, Orbetello, Sesto Calende, Cagliari, Venezia, Trieste, Augusta, La Spezia, Reggio Calabria, Pavia, Bracciano e Ravenna.

“Anche questi idroscali, che tanto hanno dato alla storia dell’aviazione in Italia, potrebbero essere recuperati e diventare il volano di nuove iniziative culturali ed economiche, ospitando ad esempio mostre, rievocazioni storiche aeronautiche, manifestazioni aeree e scuole di volo”, ha sottolineato il presidente dell’Aviazione Marittima Italiana, Orazio Frigino.

“Inoltre, dotandoli di un semplice pontile leggero certificato per idrosuperfici, potranno pure accogliere idrovolanti ultraleggeri. La nostra associazione, del resto, è già impegnata nel progetto SWAN Grece-Italy (Sostenible Water Aidrome Network), interamente finanziato dalla Comunità Europea, con l’obiettivo di installare e rendere operative otto idrobasi per i collegamenti con idrovolanti fra l’Italia e la Grecia”.

Leggi anche:

  1. Per un’archeo-antropologia degli itinerari storici: la via Traiana
  2. L’ADSP firma un protocollo d’intesa con Cassa Depositi e Prestiti e Comune di Napoli. Obiettivo: supportare interventi infrastrutturali
  3. “Hennebique Silos” , il progetto di recupero protagonista alla fiera real estate MIPIM di Cannes
  4. AVIAZIONE: CRESCE IL PROGETTO SUGLI IDROSCALI STORICI D’ITALIA
  5. Adri Seaplanes: concluso il progetto tra storia e futuro degli idrovolanti

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=61747

Scritto da Redazione su mag 22 2019. Archiviato come Infrastrutture, Italia, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab