Home » Cantieri, Italia, Nautica, News, Trasporti » 25 giugno, Giornata mondiale del Marittimo, Uiltrasporti: che sia dedicata ai familiari dei marittimi morti sul lavoro

25 giugno, Giornata mondiale del Marittimo, Uiltrasporti: che sia dedicata ai familiari dei marittimi morti sul lavoro

Roma– “La gente di mare svolge un ruolo fondamentale nel rendere grande il nostro Paese sia in termini di sviluppo economico che professionale, e proprio oggi in cui ricorre la Giornata mondiale del Marittimo, vogliamo ricordare all’opinione pubblica ed alle istituzioni, quanto questo settore ha pagato e sta pagando in termini di perdite di vite umane per gli incidenti sul lavoro a bordo delle navi, e per queste ragioni ribadiamo la nostra contrarietà all’autoproduzione svolta dei marittimi fuori dalle regole”.

A dichiararlo il Segretario Generale, Claudio Tarlazzi, e il Segretario Nazionale, Paolo Fantappiè, della Uiltrasporti, che proseguono:

“Negli ultimi anni si sta registrando una vera e propria strage di marittimi, che non conosce tregua, causata dal contesto difficile in cui essi devono lavorare, caratterizzato da condizioni sempre più dure e pressanti, spesso in violazione delle tutele previste dai contratti di lavoro, in un quadro di assenza di investimenti certi da parte delle controparti armatoriali in formazione e in rinnovo del naviglio. ”.

“In questa giornata – rimarcano Tarlazzi e Fantappiè – il nostro pensiero va alle famiglie dei colleghi che non hanno fatto più ritorno a casa, e a tutti i marittimi, che nonostante le tantissime difficoltà, sono fieri di operare in un settore che rappresenta la punta di diamante dell’economia italiana.

“Uiltrasporti è impegnata a ridare fiducia alla nostra gente di mare, a partire dal prossimo rinnovo contrattuale e da tutte quelle riforme legislative che abbiamo chiesto da tempo e che ancora aspettiamo, per l’occupazione e la formazione marittima italiana. Siamo anche consapevoli che solo restando tutti uniti potremo dare grande speranza a questo settore.

“Forti anche dell’insegnamento delle esperienze fatte in questi anni – concludono –  faremo la nostra parte fino in fondo, per ottenere il miglioramento delle condizioni di lavoro dei marittimi, e maggiore occupazione italiana”.

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=63323

Scritto da su Giu 25 2019. Archiviato come Cantieri, Italia, Nautica, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab