Home » Internazionale, Italia, News, Trasporti » Marittimi: incidente mortale a Savona. Comunicato delle Segreterie Nazionali

Marittimi: incidente mortale a Savona. Comunicato delle Segreterie Nazionali

L’incidente avvenuto ieri al porto di Savona sulla M/N Llektra ha causato la morte di un lavoratore marittimo originario delle Filippine.
Le segreterie nazionali Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti esprimono il loro cordoglio alla famiglia e ai compagni di lavoro.

Questo ennesimo grave incidente ricorda a tutti che la prevenzione sui luoghi di lavoro è un fattore di assoluta deterrenza di questi accadimenti e che i controlli sulle procedure con le quali vengono svolte le attività a bordo alle navi devono essere costanti.
Per raggiungere l’obiettivo di ridurre al massimo i rischi nei luoghi di lavoro è necessario un approccio culturale diverso, più orientato alla salvaguardia della salute che alla ricerca del mero profitto.

Abbiamo ancora davanti agli occhi le immagini di qualche settimana fa dei due marittimi imbragati e appesi ad una gru di bordo per essere calati tra le stive di containers per il recupero di materiale. Immagini che danno la netta sensazione che il settore marittimo è una zona franca in cui le regole valgono meno, dove la vita dei lavoratori comunitari o extracomunitari che siano può essere considerata diversamente da quella dei lavoratori di imprese terrestri.

Proviamo un grande dolore per la perdita di un’altra vita umana sul lavoro e vorremmo non accadesse mai più, ma sappiamo che senza un reale impegno di tutti i soggetti coinvolti questo auspicio potrebbe rimanere tale.
Le scelte economiche delle aziende e le mancate risposte da parte del governo sui temi della sicurezza, purtroppo complicano il quotidiano impegno del sindacato nella difesa della salute e della sicurezza nel mondo del lavoro.

È indispensabile e vitale investire nel lavoro sicuro, certo, stabile e tutelato ma soprattutto dare avvio con urgenza all’apertura di un confronto continuo con tutte le controparti, governo e aziende per costruire un tavolo permanente sulla sicurezza.

Leggi anche:

  1. Portuali e marittimi scioperano il 23 maggio
  2. PENSIONI: UILTRASPORTI, UN PRIMO PASSO POSITIVO PER I MARITTIMI
  3. PROSEGUE IL SUPPORTO DELLE UNITÀ DELLA MARINA MILITARE AI MOTOPESCA NAZIONALI
  4. Primo incontro sull’adeguamento delle certificazioni dei lavoratori marittimi
  5. Autorità portuale del Levante: Mariani e Sommariva analizzano i traffici marittimi nazionali

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=64743

Scritto da Redazione su lug 20 2019. Archiviato come Internazionale, Italia, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab