Home » Italia, Legislazione, News, Trasporti » Ristoro alle imprese dell’autotrasporto: 643 ammesse, da agosto accesso ai fondi del Decreto Genova

Ristoro alle imprese dell’autotrasporto: 643 ammesse, da agosto accesso ai fondi del Decreto Genova

Ad agosto circa 650 imprese dell’autotrasporto potranno accedere ai 20 milioni stanziati dal Decreto Genova per i danni del crollo del Ponte Morandi nel 2018

Genova -  Terminata la raccolta su supporto informatico delle richieste di ristoro per l’anno 2018 delle ditte di autotrasporto danneggiate dal crollo del Ponte Morandi, l’Autorità di sistema portuale ha trasmesso venerdì scorso alla struttura del Commissario Delegato Giovanni Toti le 892.905 domande ritenute ammissibili presentate da 643 imprese. Tenuto conto dei criteri di computo previsti dal DM 555/2018, sono risultate rimborsabili 624.467,5 missioni di viaggio (portuali e urbane) per un importo unitario per missione pari a 32,02 euro.

Entro le prime settimane di agosto partirà a fase di liquidazione dei ristori alle imprese, quasi sicuramente

“Il clima di grande collaborazione creatosi con la Struttura del Commissario delegato Toti, la Camera di Commercio e le imprese dell’autotrasporto nazionale – ha commentato il Presidente del Porto Paolo Emilio Signorini – ha consentito di completare tempestivamente una procedura complessa, consentendo anche alle aziende più piccole e quindi meno strutturate in primo luogo di accedere al ristoro creando le basi migliori per il prosieguo delle procedure nel 2019 e 2020 e, in secondo luogo, di sperimentare un concreto cambiamento delle modalità di lavoro con l’utilizzo di strumenti telematici quali firma digitale e tracciati documentali ben evidenziati”.

La ingente mole di dati acquisita attraverso l’istruttoria ha fornito importanti indicazioni sulla componente dell’autotrasporto legato a Genova e alla portualità sia rispetto alla tipologia delle imprese ma anche sui flussi viari nonché riguardo al mutato intervento sul ciclo documentale della categoria per renderlo più omogeneo e trasparente e di conseguenza maggiormente tracciabile. “L’istruttoria ci ha fornito una banca dati unica a livello nazionale – ha concluso Signorini – per origine viaggi, relazioni tra bacini portuali e all’interno dello stesso bacino, o ad esempio sul ciclo vuoti, che saranno importanti anche in relazione agli studi sulla viabilità in corso di avvio”.

Da ieri la piattaforma, raggiungibile all’indirizzo https://genova.pcspln.cloud/, è nuovamente disponibile con le funzionalità, per ciascuna Impresa accreditata, di verificare il numero di ristori ammessi.

Leggi anche:

  1. CONFETRA AL TAVOLO IMPRESE CON IL VICE PREMIER SALVINI
  2. L’ADSP di Genova presenta gli interventi straordinari finanziati dal Decreto Genova alla IX Commissione Trasporti
  3. Ristoro alle imprese dell’autotrasporto in seguito al crollo del ponte Morandi
  4. AdSPMAM, Università e Banche pugliesi per costruire una rete di supporto alle imprese nelle ZES
  5. Porto di Genova: firmato il decreto di nomina di Signorini

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=64910

Scritto da Redazione su lug 23 2019. Archiviato come Italia, Legislazione, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab