Home » Infrastrutture, Italia, Legislazione, News, Trasporti » ZES, pubblicato l’avviso pubblico per l’assegnazione di ulteriori aree ai comuni interessati

ZES, pubblicato l’avviso pubblico per l’assegnazione di ulteriori aree ai comuni interessati

Nota dell’assessore allo Sviluppo Economico, Mino Borraccino:

“Come avevo anticipato nei giorni scorsi, è stata pubblicata ieri, sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 84 del 25 luglio 2019, la Determina n. 155/2019 a firma della Dirigente della Sezione Attività Economiche, dott.ssa Francesca Zampano, con cui è stato approvato l’Avviso Pubblico rivolto agli Enti locali per l’attribuzione delle aree residue e non assegnate delle Zone Economiche Speciali “Ionica” e “Adriatica”.

“Ora sarà possibile, per quei Comuni che non siano rientrati nella perimetrazione delle due ZES pugliesi, presentare un’istanza finalizzata a candidare porzioni del proprio territorio in modo che possano essere ricompresi, a seguito di una trasparente e approfondita procedura ad evidenza pubblica, all’interno delle aree individuate.

“In particolare, come già evidenziato, per quanto riguarda la ZES “Ionica” (il cui iter di istituzione è stato completato nelle scorse settimane) ci sono aree disponibili e non ancora assegnate pari a 88,85 ettari, mentre per la ZES “Adriatica” (per cui si è ancora in attesa dei decreti ministeriali da parte del governo centrale, essendo stato ultimato il procedimento a livello regionale) le aree disponibili e non ancora assegnate sono pari a 261,10 ettari.

“Gli enti locali che intendano presentare domanda, dovranno farlo, esclusivamente in modalità telematica, entro 90 giorni dalla pubblicazione dell’Avviso sul BURP (avvenuta ieri) e potranno candidare, ai sensi del bando, aree che rispettino i requisiti previsti per le ZES: aree portuali, retroportuali (anche di carattere produttivo e aeroportuale), piattaforme logistiche o interporti, mentre sono escluse le aree residenziali.

“Nell’ambito della Valutazione, che sarà svolta da un’apposita Commissione nominata dal Direttore del Dipartimento Sviluppo Economico dopo il termine di scadenza del bando, saranno riconosciuti criteri di preferenza, tra gli altri, alle candidature presentate congiuntamente da più Enti locali, alle candidature che prevedano aree a totale titolarità pubblica, o che siano già dotate di servizi e collegate a snodi ferroviari.

“L’obiettivo di questo Avviso è sostanzialmente quello di estendere l’opportunità rappresentata dalle ZES anche a quelle realtà territoriali che, fino a questo momento, ne siano rimaste escluse, includendo altre significative aree che potranno beneficiare dei numerosi vantaggi, in termini fiscali o di semplificazione amministrativa, che ci saranno per le imprese che vi si insedieranno.

“In questo modo abbiamo anche raccolto le sollecitazioni pervenute da numerose amministrazioni locali che, ora, potranno cogliere questa importante opportunità per incentivare lo sviluppo e la crescita del territorio.

“Nei prossimi giorni, proprio al fine di incontrare gli amministratori locali e tutti coloro che sono interessati a questa importante sfida per il futuro della Puglia rappresentata dalle ZES, ci saranno due incontri pubblici per illustrare i contenuti di questo bando, i criteri di valutazione e i requisiti di ammissibilità, e per fare il punto della situazione sullo stato di attuazione delle Zone Economiche Speciali.

“Il primo incontro, riguardante la ZES “Ionica” si svolgerà martedì prossimo, 30 luglio, a Taranto, presso la Camera di Commercio e si articolerà in due momenti: nella mattinata sarà illustrato l’Avviso Pubblico destinato ai Comuni, mentre nel pomeriggio si proseguirà con un incontro di approfondimento con gli stakeholder interessati in modo da confrontarci e ricevere utili suggerimenti e proposte da raccogliere per garantire il successo di questa importante opportunità.

“L’indomani, poi, e cioè mercoledì 31 luglio si replicherà a Bari, presso la Fiera del Levante, con un incontro finalizzato a illustrare le finalità e i contenuti del bando per l’assegnazione delle ulteriori aree disponibili nell’ambito della ZES “Adriatica”.

“Si tratta di due importanti appuntamenti che confermano l’impegno del governo regionale e mio personale affinché la Puglia possa cogliere appieno la grande opportunità rappresentata dall’istituzione di queste due ZES per lo sviluppo e la crescita, economica e occupazionale, del nostro territorio.”

Leggi anche:

  1. Regione Puglia: Approvato l’avviso pubblico, rivolto agli Enti locali, per l’attribuzione delle aree residue delle ZES Interregionali ionica e adriatica
  2. ZES INTERREGIONALI IONICA E ADRIATICA: ECCO L’AVVISO PUBBLICO PER L’ATTRIBUZIONE DELLE AREE DISPONIBILI NON ANCORA ASSEGNATE
  3. ADsP MSO: pubblicato il bando pubblico per la ristrutturazione e la gestione del silos Hennebique
  4. Aree Logistiche, tavolo Mit individua 11 interventi finanziabili
  5. Zes Ionica: i comuni e le aree interessate

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=65060

Scritto da Redazione su lug 26 2019. Archiviato come Infrastrutture, Italia, Legislazione, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato allo shipping con un focus sul soccorso in mare e sulla Brexit, il ruolo del porto di Salerno e la "Barletta marinara". Poi un approfondimento sui fari di Brindisi ed uno sul trasporto ad emissioni zero con Emma. E ancora, approfondimenti sulle crociere e sulla sicurezza nei nostri porti.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab