Home » Ambiente, Cantieri, Internazionale, Italia, Nautica, News, Trasporti » Con Siemens il Superyacht Vanadis di CCN è amico dell’ambiente

Con Siemens il Superyacht Vanadis di CCN è amico dell’ambiente

Il recente yacht CCN, dotato del sistema di propulsione diesel-elettrico SISHIP EcoProp di Siemens, riceve la certificazione Lloyd’s Register “Hybrid Power”
Una soluzione del Centro di Competenza Globale di Siemens Marine per lo sviluppo di applicazioni a propulsioni ibride per imbarcazioni compatte
Eco-sostenibilità, bassi consumi e ridotto impatto ambientale: solo alcuni dei vantaggi del sistema SISHIP EcoProp

Milano-Varata ufficialmente lo scorso maggio, MY Vanadis è l’imbarcazione da 31 metri firmata da CCN (Cerri Cantieri Navali) – di proprietà del Gruppo Gavio dal 2011 e specializzata nella costruzione di yacht altamente performanti – e dotata del sistema di propulsione diesel-elettrico SISHIP EcoProp di Siemens. Un sistema di nazionalità tutta italiana: Siemens Italia, con il suo Business Process Solutions Marine, è infatti Centro di Competenza di Siemens Marine per lo sviluppo di applicazioni a propulsioni ibride per imbarcazioni compatte.

Ed è proprio grazie a questo sistema Siemens che MY Vanadis ha ottenuto la certificazione “Hybrid Power” dal Lloyd’s Register. Si tratta del primo motoryacht Made in Italy a raggiungere questo risultato, frutto in particolar modo dell’importante contenuto tecnologico e degli elevati standard garantiti dalla soluzione Siemens.

Quarto modello della collezione “Fuoriserie” – la linea su misura del cantiere di Carrara – Vanadis deve il suo nome a una dea della mitologia nordica ed è nato della collaborazione del cantiere CCN con lo studio olandese Guido de Groot, che ha curato sia il design interno che quello esterno, con lo studio Ginton che ha curato l’architettura navale e con Siemens che ha portato il proprio contenuto tecnologico dagli elevati standard.

Dotata di due propulsori azimutali a doppia elica di Schottel, comandati dal sistema di propulsione ibrido diesel-elettrico Siemens SISHIP EcoProp, Vanadis può vantare una navigazione a bassi consumi e ridotto impatto ambientale, oltre ad un elevato comfort a bordo grazie alla riduzione del rumore e delle vibrazioni durante la navigazione.

Il sistema Siemens, di tipo IPS ovvero Integrated Power System, integra al suo interno sia il controllo della propulsione che della generazione della potenza elettrica e la gestione dell’energia immagazzinata nelle batterie agli ioni di litio. Un sistema di ultima generazione che con un’unica rete in corrente continua provvede a distribuire la potenza elettrica dedicata alla propulsione e ai servizi ausiliari coniugando la massima sicurezza con la massima efficienza.

La scelta di CCN di affidarsi a Siemens risiede proprio nell’attenzione ai temi di eco-sostenibilità ed efficienza ambientale facilmente riscontrabili nell’innovativo sistema integrato di propulsione ibrida SISHIP EcoProp, in grado di garantire un bilancio energetico delle imbarcazioni più sostenibile, un’elevata autonomia di navigazione con la massima efficienza, silenziosità durante la navigazione e il pieno rispetto dell’ambiente nonché la possibilità di poter accedere ad aree marine protette.

Si tratta di un supporto completo, quello fornito da Siemens a CCN, lungo tutta la filiera di produzione, a partire quindi dallo studio e gestione del progetto, la fornitura delle componenti tecnologiche ma anche delle soluzioni di engineering hardware e software, passando poi ai test in cantiere, le prove in banchina e in navigazione, fino alla consegna finale.

Background Information

Il sistema di propulsione SISHIP EcoProp è di tipo ibrido con propulsione diesel elettrica parallela: i propulsori possono essere governati da motori diesel tradizionali per navigare a velocità di crociera o da motori elettrici per navigazione a bassa velocità aumentando notevolmente il comfort a bordo. Gli stessi motori elettrici di propulsione sono utilizzati come generatori, in combinazione con i motori diesel, generando energia elettrica con il minor consumo specifico di carburante.

Anche i due generatori diesel di bordo sono stati forniti e appositamente sviluppati da Siemens in collaborazione con CGT e si basano su tecnologia a giri variabili con generatori a magneti permanenti: si tratta di una tecnologia che permette di ottimizzare i consumi e aumentare l’efficienza.

Il sistema è dotato di batterie agli ioni di litio utilizzate per molteplici funzioni quali il funzionamento Zero Emissioni, Peak Shaving per sopperire ai picchi dei carichi elettrici evitando l’accensione dei generatori diesel, Strategic Control per limitare l’utilizzo dei generatori diesel a basso carico, per ragioni di back-up, aumentando allo stesso tempo il carico dei generatori in funzione, con conseguente incremento dell’efficienza.

Il cuore del sistema SISHIP EcoProp è costituito da un avanzato Energy Management System (EMS) che integra e coordina le funzioni di Propulsion Control, Overload e Black-out Protection.

Leggi anche:

  1. CCN FA TRIPLETTA E SI AGGIUDICA PER IL TERZO ANNO CONSECUTIVO IL WORLD YACHTS TROPHIES
  2. L’AdSP MTS cerca il nuovo dirigente Sicurezza e Ambiente
  3. Camera dei Deputati-Commissione Ambiente: Audizioni su tutela ambiente marino
  4. Il futuro dell’approvvigionamento energetico delle imbarcazioni in una collaborazione tra Siemens, VSY e Lloyd’s Register
  5. A CASTELLAMMARE IL VIA AI LAVORI PER IL TRAGHETTO INNOVATIVO DI FINCANTIERI

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=66949

Scritto da Redazione su set 16 2019. Archiviato come Ambiente, Cantieri, Internazionale, Italia, Nautica, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab