Home » Ambiente, Cantieri, Italia, Nautica, News, Trasporti » MSC Seashore Coin Ceremony: Discorso PierFrancesco Vago – Executive Chairman MSC Cruises

MSC Seashore Coin Ceremony: Discorso PierFrancesco Vago – Executive Chairman MSC Cruises

Signor Vice Prefetto di Gorizia, Gentile Sindaco di Monfalcone, Signor Vice Sindaco di Trieste, Assessore Callari, Consigliere Nicoli, Comandante Nicosia, Presidente D’Agostino, Don Boscarol, Dottor Giuseppe Bono, Signore e Signori,
Buongiorno a tutti. E grazie ancora per essere qui con noi oggi

Questa cerimonia segna una tappa importante per la costruzione di MSC Seashore, la nave più grande — e tecnologicamente più avanzata — mai costruita in Italia. Una nave che andrà ad arricchire una flotta MSC che sta crescendo a ritmi sostenuti, per rispondere alla domanda del mercato globale. Con ogni nuova nave che dimostra come siamo stati – da sempre – in prima linea per ridurre al minimo il nostro impatto ambientale. Dotandoci sempre dei sistemi più efficaci e all’avanguardia disponibili sul mercato.

Il mondo dello shipping genera appena il 3% del totale delle emissioni di anidride carbonica a livello globale. E il settore delle crociere rappresenta, a sua volta, “solo” il 3% delle emissioni di anidride carbonica dell’intero settore navale. Nonostante ciò, il mondo delle crociere è leader in termini di investimenti, ricerca e sviluppo e soluzioni ambientali. Con l’obiettivo di raggiungere un impatto pari a zero.

Ed è per questo che le navi MSC sono dotate dei più avanzati sistemi per la riduzione dell’ossido di nitrogeno, per il trattamento delle acque reflue e per la gestione dei rifiuti. Per la riduzione e pulizia dei gas di scarico. E di molte altre tecnologie, di ultima generazione. Ogni nuova nave – quindi – spinge sempre più in alto il livello di prestazioni ambientali. Con particolare attenzione al miglioramento continuo della qualità delle emissioni.

Per esempio: il 74% della nostra flotta è attualmente dotata dei più moderni e efficienti sistemi di depurazione dei gas di scarico. Ed entro i prossimi due anni arriveremo al 100%. Stiamo poi investendo 5 miliardi di euro “solo” per la costruzione di 5 navi alimentate a Gas Naturale Liquefatto. Il combustibile fossile più pulito attualmente disponibile. Su tutte le nostre navi abbiamo installato i sistemi più avanzati per ridurre, riciclare e riutilizzare i rifiuti solidi. Migliori di quelli in uso nella maggior parte delle città nelle quali molti di noi vivono.  Abbiamo anche eliminato – da tutta la flotta e per primi nel nostro settore – l’utilizzo della plastica monouso. E miglioriamo continuamente l’efficienza energetica di ogni nostra nave, nuova o già in servizio – minimizzando così il nostro carbon footprint.

MSC Seashore non sarà quindi “soltanto” la nave più grande mai costruita in Italia, ma soprattutto la nave tecnologicamente più avanzata per quanto riguarda il rispetto dell’ambiente. Avrà un sistema ibrido all’avanguardia per la pulizia dei gas di scarico, che rimuove fino al 98% dell’anidride solforosa e riduce notevolmente il particolato. E un sistema all’avanguardia in tutto il settore per la riduzione catalitica selettiva (SCR), che aiuta a ridurre l’ossido di nitrogeno.

E un sistema di ultimissima generazione di trattamento delle acque reflue (AWT). Che risponde al cosiddetto “Baltic Standard” – quindi uno dei più restrittivi nel settore marittimo – e che tratta le acque reflue ad un livello più elevato rispetto alla maggior parte dei sistemi di depurazione presenti nelle città di tutto il mondo.

Inoltre, per minimizzare ulteriormente le emissioni nei porti, MSC Seashore è dotata di un sistema per “collegarsi” durante l’ormeggio alla rete elettrica locale. Questa è una tecnologia importantissima che stiamo installando su tutte le navi dal 2017 in poi. E che installeremo sulle navi precedenti. Naturalmente, servirà che i porti a loro volta dotino le banchine di una adeguata rete elettrica.

MSC, Tutto il Gruppo, ha da sempre a cuore la salute del nostro pianeta e dei nostri mari. Per questa ragione continueremo a mettere il massimo impegno per preservare e proteggere l’ambiente. Anche esplorando e supportando lo sviluppo di tecnologie sempre più all’avanguardia.

Ma allo stesso tempo non dimentichiamo la tradizione — importante per la famiglia MSC — una famiglia che ha alle spalle oltre 300 anni di esperienza nell’attività marinara. E la Coin Ceremony, ovvero la cerimonia della moneta di oggi, è carica di tradizione. E di quel valore simbolico che serve a ricordare il rispetto che bisogna avere per il mare.

Saldare una moneta nello scafo di una nave ha infatti origini molto antiche. Si narrano numerose leggende attorno all’origine di questa usanza, tutte piene di significati profondi e simbolici. Oggi celebriamo quindi questo valore simbolico che la moneta rappresenta nelle fasi della costruzione di una nave. Come da nostra tradizione, saranno saldate 2 monete nello scafo di questa nuova unità: una moneta di MSC e una di Fincantieri. Su entrambe è riportato il nome “MSC Seashore”.

Come da tradizione, ogni moneta avrà una madrina: una in rappresentanza dell’armatore e una in rappresentanza del cantiere. Saranno le madrine che andranno a posizionare le monete all’interno dello scafo per farle saldare per sempre come simbolo di buona fortuna e di augurio di lunga e proficua vita di servizio in mare per questa nuova ammiraglia.

E per concludere, quindi, desidero chiamare qui sul palco la madrina che è stata scelta da MSC. Come sempre si tratta di una persona che fa parte della famiglia MSC, e una professionista la cui dedizione e passione per il proprio lavoro sono da sempre evidenti a tutti noi. Marianna Cicala è entrata in MSC giovanissima, a 22 anni.

Da allora ha seguito la crescita e l’evoluzione dell’azienda, lavorando in diversi reparti, prima di diventare Worldwide Ground Planning Manager, ovvero responsabile della logistica dei nostri ospiti in tutti i Porti e per tutte le navi MSC. Marianna si dedica a ogni Ospite come se fosse unico, condividendo con un team affiatato e appassionato le operazioni in tutto il mondo. E seguendo personalmente tutte le situazioni di crisi. Ho il piacere di chiamare qui con me la nostra preziosa: Marianna Cicala! Congratulazioni Marianna. E grazie per il tuo importante contributo!

Colgo infine l’occasione per inviare un saluto ai numerosi agenti di viaggio presenti. Ospiti di MSC e del nostro country manager Leonardo Massa. Siete i nostri storici partner per la promozione e la crescita del prodotto crocieristico sul territorio italiano. Grazie per il vostro impegno e per il vostro supporto!

E concludo formulando i migliori auguri di buon lavoro al nuovo Governo. Auspico che ponga al centro della sua agenda il settore delle crociere, la cantieristica e la Blue Economy in generale. È un mondo che contribuisce in misura determinante al PIL e allo sviluppo della capacità di innovazione dell’Italia. Siamo fiduciosi che si adopereranno in tal senso i nostri due ministri di riferimento: il Ministro dello Sviluppo Economico, che viene da questa regione e conosce molto bene il nostro settore. E il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, che saprà svolgere il suo mandato con la tenacia e l’impegno nei quali le donne sono maestre.

Passo ora la parola al dottor Giuseppe Bono, per chiamare sul palco anche la madrina del cantiere.
Grazie!

Leggi anche:

  1. MSC CROCIERE E FINCANTIERI SVELANO LA NAVE PIÙ GRANDE E TECNOLOGICA COSTRUITA IN ITALIA: MSC SEASHORE
  2. AEROPORTO DI BARI: NUOVA EXECUTIVE LOUNGE
  3. MSC CROCIERE E FINCANTIERI: AL VIA COSTRUZIONE DI MSC SEASHORE
  4. LA COIN CEREMONY DI MSC SEAVIEW NUOVO TRAGUARDO NELLA CRESCITA DI MSC CROCIERE
  5. TUI Cruises amplia la sua flotta

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=67126

Scritto da Redazione su set 19 2019. Archiviato come Ambiente, Cantieri, Italia, Nautica, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab