Home » Italia, News, Trasporti » Il Comando Generale delle Capitanerie autorizza nuovi corsi IMAT relativi IGF–GNL

Il Comando Generale delle Capitanerie autorizza nuovi corsi IMAT relativi IGF–GNL

Castel Volturno- IMAT annuncia l’avvio del corso di formazione ed addestramento per il personale marittimo in servizio su navi soggette al Codice IGF – Gas Naturale Liquefatto. Il nuovo percorso, così come delineato dal Decreto 875/2017 del Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto, definisce il perimetro delle conoscenze e dell’addestramento necessari in materia di gestione e funzionamento dei sistemi basati su gas o altri combustibili con basso punto di infiammabilità nonché la conoscenza dei relativi aspetti di sicurezza, emergenza e protezione ambientale correlati alle fasi di movimentazione, stoccaggio e utilizzo degli stessi combustibili.

Destinato a comandanti, direttori, ufficiali, comuni e ad ogni altro personale che presta servizio a bordo di navi soggette al codice IGF (International Code of safety for shipsusinggases or other low flah-point fuels) l’addestramento è articolato in un corso base di 24 ore (8 ore di lezioni per tre giorni complessivi), uno avanzato di 40 ore (cinque giorni complessivi) e nei rispettivi “corsi refresh” previsti ogni cinque anni.

“L’uso crescente del GNL per propulsione marina ha fatto emergere l’esigenza di una preparazione specifica per gli equipaggi, chiamati a confrontarsi con tutti gli aspetti operativi legati all’applicazione di questa nuova tecnologia,” spiega Fabrizio Monticelli, Ceo di IMAT – Italian Maritime Academy Technologies. “La nuova offerta formativa, seguendo un’impostazione comune a tutti i nostri corsi,  punta a dotare il marittimo delle competenze previste in materia, fornendo al contempo un portafoglio di conoscenze ulteriori che permettano di interpretare al meglio i cambiamenti del contesto operativo complessivo”.

L’iter per la certificazione, attivato dalla autorizzazione in materia ottenuta da IMAT da parte del Comando Generale delle Capitanerie di porto, al termine di una serie di verifiche tecniche,  prevede tre aree specifiche di conoscenze, addestramento e test: teorico-concettuali, tecnico-pratiche, simulazioni, con esercitazioni ad hoc. Quest’ultimo punto, in particolare, è stato al centro di una intensa partnership che ha visto IMAT e Wartsila collaborare per l’implementazione del software di supporto secondo le specifiche dettate dal ministero. Tra queste, ad esempio, la simulazione delle operazioni relative al bunkeraggio a mezzo truck, bettolina e on shore facility.

Entrato in vigore il 1°gennaio 2017 il codice IGF ha lo scopo di fornire uno standard internazionale per le navi che utilizzano carburante a basso punto di infiammabilità, oltre alle navi coperte dal codice IGC. L’obiettivo è quello di indicare gli indirizzi obbligatori per la disposizione, l’installazione, il controllo e il monitoraggio di macchinari, attrezzature e sistemi che utilizzano combustibile a basso punto di infiammabilità per ridurre al minimo il rischio per la nave, il suo equipaggio e l’ambiente, tenendo conto della natura dei carburanti coinvolti.

Leggi anche:

  1. Assegnato al Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto, il Premio Internazionale Portonovo
  2. Il Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto in visita alla Direzione Marittima di Bari
  3. PORTO DI BRINDISI: ATTIVITA’ ISPETTIVA DEL COMANDO GENERALE DEL CORPO DELLE CAPITANERIE DI PORTO SULLO STATO DI IMPLEMENTAZIONE DELLE NORME IN MATERIA DI SECURITY IN PORTO E A BORDO DELLE NAVI
  4. Porto di Bari: Il Comando Generale delle Capitanerie autorizza la sperimentazione di uno sportello unico marittimo
  5. VISITA DEL COMANDANTE GENERALE DELLE CAPITANERIE DI PORTO A BRINDISI

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=67973

Scritto da Redazione su ott 3 2019. Archiviato come Italia, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab