Home » Ambiente, commerciale, Internazionale, Italia, Nautica, News, Trasporti » UNA BARCA-DRONE ITALIANA NAVIGA NELL’ATLANTICO VERSO CUBA

UNA BARCA-DRONE ITALIANA NAVIGA NELL’ATLANTICO VERSO CUBA

PROGETTI DI IMBARCAZIONI AUTONOME AL “SEA DRONE TECH SUMMIT 2019

Roma-Una barca-drone italiana è in navigazione verso Cuba seguendo la prima rotta di Cristoforo Colombo. Si chiama “Barchetta Magica” e, partita a metà settembre dall’isola Gran Canaria senza equipaggio a bordo, ha già percorso quasi 1.900 km nell’Atlantico con oltre 800 ore di viaggio in totale autonomia.

Il piccolo natante a vela di 1,5 metri è alimentato da energia solare e viene costantemente monitorato dagli ingegneri dell’Università di Firenze che l’hanno costruito. Gli ultimi aggiornamenti su questa incredibile traversata atlantica saranno presentati al “Sea Drone Tech Summit 2019”, seconda edizione dell’unico congresso in Italia dedicato ai droni e ai sistemi robotici per impiego marino e subacqueo, che si svolgerà nei giorni 29 e 30 ottobre prossimi a Ostia (Roma).

“La navigazione verso Cuba procede regolarmente”, ha confermato l’ideatore ing. Marco Montagni, “e, in occasione dell’evento di Ostia, illustreremo una variante del modello originale per il monitoraggio real-time ed il pattugliamento delle coste”. Il congresso sarà ospitato per la parte congressuale dal Polo Natatorio di Ostia, centro federale della Federazione Italiana Nuoto, e per le prove in mare dal Porto Turistico di Roma.

Al “Sea Drone Tech Summit 2019”, saranno presentati numerosi altri progetti di droni navali di superficie. L’Istituto di Ingegneria del Mare (INM) del CNR, ad esempio, illustrerà le attività di ricerca realizzabili con la piattaforma “SWAMP” (Shallow Water Autonomous Multipurpose Platform), che consente applicazioni in acque ultra-basse, essendo in grado di operare con meno di 30 cm di profondità. L’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA), in collaborazione con l’Università della Calabria e l’Istituto di Geologia Ambientale e Geoingegneria (IGAG) del CNR, presenterà invece il catamarano autonomo “DEVSS” (DEvelopment Vehicle for Scientific Survey), utilizzato tra l’altro per la mappatura multiscala delle praterie di Posidonia oceanica.

Altri progetti presenti a Ostia saranno “INTCATCH” dell’Università di Verona per il controllo della qualità delle acque interne, “OPENSwap” del Consorzio Proambiente impiegabile per il monitoraggio geofisico degli ambienti acquatici e il drone idrografico “Echoboat” della società Codevintec per rilievi in porti, fiumi, laghi, lagune e cave. La raccolta delle plastiche galleggianti è invece l’obiettivo del progetto “Litter Hunter” sviluppato dalla start-up GreenTech Solution.

Il “Sea Drone Tech Summit 2019” è promosso dal Municipio Roma X e dal Dipartimento di Ingegneria dell’Università Roma Tre e organizzato dall’associazione Ifimedia e dalla società Mediarkè. Prevede tre sessioni: droni subacquei, droni navali di superficie e droni aerei per impiego marino. Il congresso ha ricevuto i patrocini dei ministeri della Difesa e dello Sviluppo Economico, della Regione Lazio e di CNR, ENEA, OGS e RINA. Vi parteciperanno i massimi esperti italiani nel settore dei droni marini, in ambito civile e militare, scientifico e industriale. Sponsor del congresso è il consorzio europeo SARA, che ha sviluppato un drone aereo vincolato per il soccorso in mare, con il contributo anche delle aziende italiane TopView e Sistematica e dell’Università di Firenze.

Numerosi gli espositori che presenteranno a Ostia i loro droni e robot marini: Codevintec, Connex Italiana, Consorzio Proambiente, Eurolink Systems, GreenTech Solution, INM, ISME, MDM Team, Nido Robotics, Novacavi, Rovcraft, The SARA Project, Università di Firenze, Università di Verona. Relatori e partecipanti, provenienti da tutta l’Italia, saranno ospitati presso due prestigiosi alberghi sul lungomare di Ostia, il Fly Decò e l’Aran Blu.

Partner assicurativo dell’evento è CABI Broker. Sono previste anche dimostrazioni operative in mare di nuovi modelli di droni e robot marini, che saranno effettuate mercoledì 30 ottobre presso la spiaggia centrale del Porto Turistico. Per partecipare al congresso è necessario registrarsi online su www.seadrone.it.

Leggi anche:

  1. IMMIGRAZIONE: DRONI PER IL MONITORAGGIO DEI BARCONI E IL SOCCORSO IN MARE
  2. DRONI SUL MARE CONTRO LE PLASTICHE GALLEGGIANTI E L’EROSIONE COSTIERA
  3. VERSO I GHIACCI DEL NORD ATLANTICO: Sergio Davì ed il suo Nautilus Explorer verso le Isole Far Øer
  4. IL DRONE “SAND” ESPOSTO AL VERSILIA YACHTING RENDEZ-VOUS
  5. Piri Reis naviga verso Cipro

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=69095

Scritto da Redazione su ott 23 2019. Archiviato come Ambiente, commerciale, Internazionale, Italia, Nautica, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato allo shipping con un focus sul soccorso in mare e sulla Brexit, il ruolo del porto di Salerno e la "Barletta marinara". Poi un approfondimento sui fari di Brindisi ed uno sul trasporto ad emissioni zero con Emma. E ancora, approfondimenti sulle crociere e sulla sicurezza nei nostri porti.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab