Home » Infrastrutture, Italia, Logistica, News, Trasporti » Una “no tax area” per la ZES jonica: la proposta della Regione Puglia per il “Cantiere Taranto”

Una “no tax area” per la ZES jonica: la proposta della Regione Puglia per il “Cantiere Taranto”

Mino Borraccino (assessore allo Sviluppo Economico della Regione Puglia): “Come si ricorderà, il 13 novembre scorso ho trasmesso al Presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte, e al Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Mario Turco, una nota che riassumeva alcune proposte finalizzate a rendere maggiormente attrattivo e appetibile, per investitori italiani ed esteri, il territorio ionico in modo da incentivare lo sviluppo economico di Taranto e della sua provincia che, come noto, sta attraversando una fase di straordinaria difficoltà.

“Raccoglievo in tal modo l’invito formulato nei giorni scorsi dal premier Conte, affinché gli fossero sottoposti suggerimenti per affrontare la questione dell’ex Ilva di Taranto con l’obiettivo di sostenere il tessuto produttivo e imprenditoriale di tutta l’area ionica.
“Nell’ambito dei provvedimenti annunciati per il “Cantiere Taranto” ripropongo oggi la proposta principale che mi premurai di avanzare: l’istituzione di una “no tax area” per il territorio della ZES jonica.

Credo infatti che l’esenzione totale dal pagamento dell’IRES per 10 anni metterebbe davvero il sistema delle piccole e (soprattutto) delle grandi imprese in condizione di venire a investire nella ZES, riservando ovviamente alla parte pubblica il monitoraggio dei risultati, come i livelli occupazionali, il valore dei fatturati o la stabilità dell’investimento.
“Comprendo che una iniziativa del genere, di carattere eccezionale, potrebbe essere qualificata come “aiuto di Stato” dal’UE e, come tale, ritenuta incompatibile con i Trattati e quindi spetterebbe discuterne preventivamente a quei livelli.

“Ma in realtà si tratterebbe di fare qualcosa di simile a quanto già fatto in passato, per esempio con le esenzioni fiscali riconosciute in occasione degli eventi sismici del Centro Italia, giacchè quello che sta avvenendo a Taranto con le dolorose vicende legate al ArcelorMittal è di una gravità pari a un vero e proprio terremoto economico e sociale.
“Ci auguriamo quindi che il Governo prenda in considerazione la proposta, inserendola a pieno titolo negli interventi  relativi al “Cantiere Taranto”.

Leggi anche:

  1. REGIONE PUGLIA: BORRACCINO A TARANTO PER CONVEGNO SU SICUREZZA NEI PORTI
  2. Regione Puglia-Borraccino: a Taranto la Festa del Mare
  3. Borraccino, assessore allo Sviluppo Economico della Regione Puglia: IL FUTURO DI TARANTO-BLUE ECONOMY, CULTURA, VIVIBILITÀ AMBIENTALE E LAVORO
  4. Borraccino: utile incontro con gli Enti locali a Taranto per illustrare l’Avviso che riapre i termini per entrare nell’area ZES jonica
  5. Consiglio Regione Puglia: audizione del Propeller di Taranto in Commissione

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=70484

Scritto da Redazione su nov 21 2019. Archiviato come Infrastrutture, Italia, Logistica, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato allo shipping con un focus sul soccorso in mare e sulla Brexit, il ruolo del porto di Salerno e la "Barletta marinara". Poi un approfondimento sui fari di Brindisi ed uno sul trasporto ad emissioni zero con Emma. E ancora, approfondimenti sulle crociere e sulla sicurezza nei nostri porti.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab