Home » Europa, Internazionale, Legislazione, Logistica, News, Trasporti » Brexit: per gli armatori europei serve più fluidità negli scambi

Brexit: per gli armatori europei serve più fluidità negli scambi

Bruxelles. Dal 31 gennaio 2020, giacché il Regno Unito non è più membro dell’Unione Europea, gli armatori europei chiedono al Governo inglese e all’Ue di continuare a mantenere gli stessi regolamenti/contratti nei settori del trasporto marittimo e della logistica, onde evitare delle conflittualità commerciali. La vicenda della Brexit ha portato a considerare l’importanza delle interconnessioni delle catene logistiche e di approvvigionamento tra l’Europa e il Regno Unito.

La nota associazione degli armatori della Comunità europea (ECSA), in una nota, ha rilevato l’importanza di includere il trasporto marittimo nei prossimi negoziati commerciali, onde evitare stato di conflitto nelle relazioni. L’ECSA insiste sul fatto che per il futuro l’unico orizzonte più ragionevole e più economicamente percorribile è che sia il Regno Unito e sia l’Ue continuino a sostenere i piani di trasporto integrato e della logistica concordati e sena soluzione di continuità.

Per questo l’ECSA ritiene che mantenere la fluidità del commercio Ue -Regno Unito deve essere una priorità. Infatti, le compagnie di navigazione sono parte integrante di tutte le relazioni commerciali che intercorrono fra l’Ue e l’UK; inoltre, l’accesso reciproco al mercato per fornire servizi marittimi, in settori quali le forniture offshore e le normali attività commerciali interne, richiedono relazioni stabili e strette per il futuro.

Finalità degli scambi, il costante accesso al mercato e la facile circolazione del personale e dei passeggeri, mantenendo allo stesso tempo l’attuale parità di condizioni tra l’Ue e il Regno Unito, per l’ECSA diventa priorità per l’esercizio dei trasporti marittimi tra le sponde del Canale. L’ECSA rappresenta le associazioni nazionali degli armatori dell’UE e della Norvegia. Gli armatori europei controllano il 40% della flotta commerciale globale conferendo occupazione a 2,1 milioni di europei sia a bordo di navi e sia a terra.

 

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. La Brexit e i Trasporti, tutto quello che occorre sapere
  2. Armatori europei per la libera circolazione delle merci e delle persone anche dopo Brexit
  3. Confitarma: il gruppo giovani armatori lancia l’idea di un gruppo giovani armatori europei
  4. Post Brexit i porti inglesi chiedono una strategia
  5. Armatori europei: difficile rispettare il termine 2016 per le emissioni delle navi

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=72619

Scritto da Abele Carruezzo su feb 7 2020. Archiviato come Europa, Internazionale, Legislazione, Logistica, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab