Home » Infrastrutture, Internazionale, Logistica, News, Trasporti » Panama annuncia azioni contro COVID-19 e nuove restrizioni per il passaggio dovute al Lago di Gatum

Panama annuncia azioni contro COVID-19 e nuove restrizioni per il passaggio dovute al Lago di Gatum

L’Autorità del Canale di Panama sta monitorando l’evoluzione della pandemia di Codiv-19 ed hanno emanato una serie di misure per proteggere il proprio personale e prevenire un’ulteriore diffusione del virus.  Già da gennaio 2020, le navi che devono scalare il canale, prima del loro arrivo, sono tenute a dichiarare se lungo il loro viaggio abbiano scalato paesi contagiati dal virus.  I controlli che seguono riguardano: – la nave deve comunicare il suo nome e numero IMO con le proprie condizioni a bordo tramite lo sportello unico informatico di Panama (VUMPA).

In caso di non conformità e/o dichiarazioni false, la nave è soggetta a sanzioni e/o restrizioni.  – Un ispettore del Canale di Panama s’imbarca e verifica le dichiarazioni sulla salute marittima (nave ed equipaggio) rispetto al modulo compilato tramite il VUMPA e segnalando eventuali sintomi. – In caso di verifica positiva di presenza di contagiati a bordo, viene chiamata a bordo l’Unità Sanitaria Marittima del Ministero della Salute di Panama (MINSA) procedendo al protocollo di eventuale quarantena o non passaggio del Canale.

Altre misure sono state adottate per i pescherecci che dovranno dichiarare eventuali cambi di equipaggi negli ultimi quattordici giorni dall’arrivo nei porti con casi di Covid – 19.  In questi ultimi quindici giorni, poi, l’Autorità del Canale di Panama ha emesso una circolare sulla navigazione del Canale con restrizioni sul “bordo libero” delle navi in transito e che andranno in vigore dal 17 aprile 2020. Tali restrizioni si sono rese obbligatorie, alcune dallo scorso 5 marzo, per la variabilità del livello del lago di Gatum dovuto alla scarsità di acqua piovana.

(Il bordo libero è la distanza verticale, misurata sui fianchi della nave e a metà lunghezza nave,  tra  la linea di galleggiamento di massimo carico consentito  in acque di densità normali estive -  linea di carico appropriata -  e la linea di riferimento che segna il ponte delle paratie; cioè la distanza tra il livello del mare ed il ponte stagno più alto (detto ponte di bordo libero opportunamente definito); tale misura garantisce la riserva di spinta o di galleggiabilità della  nave e la riserva di stabilità  e dovrà essere dichiarata in certificato (rinnovato ogni cinque anni)  e bullonata sui fianchi della nave tramite l’anello di Plimsoll).  Secondo queste nuove restrizioni, il pescaggio massimo autorizzato per le navi che transitano nelle chiuse “neo-panamax” sarà di 13,56 metri (44,5 piedi) di Acqua Dolce Tropicale (TFW).

Le navi che arrivano dopo il 17 aprile 2020, con pescaggi superiori a 13,56 metri (44,5 piedi) TFW possono essere autorizzate al transito, a seconda del livello effettivo del Lago Gatum al momento del transito. In caso contrario, saranno tenute le navi a modificare il loro piano di carico (allibando) merci per transitare.  Le eventuali modifiche saranno comunicate almeno con almeno quattro settimane di preavviso.  Gli ispettori dell’Authority Canal of Panama continueranno a monitorare il livello del Lago di Gatum al fine di comunicare prontamente i nuovi pescaggi. Non esiste alcuna modifica del tirante d’acqua per le navi tipo “panamax”, che rimane di 39,5 piedi (12,04 metri). 

 

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Panama Canal Authority e Port Miami rinnovano protocollo d’intesa per il commercio
  2. Canale di Panama: passaggio della prima nave alimentata a LNG
  3. Autoridad del Canal de Panamá conferma nuovi pedaggi per transito navi
  4. Canale di Panama: inizia la fase finale dell’allargamento
  5. Canale di Panama : l’allargamento agevolerà le navi di 13mila teu

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=73980

Scritto da Abele Carruezzo su mar 19 2020. Archiviato come Infrastrutture, Internazionale, Logistica, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab