Home » Ambiente, Internazionale, News, Trasporti » Virus in Artico: Scienziato risulta positivo, intera spedizione bloccata tra i ghiacci

Virus in Artico: Scienziato risulta positivo, intera spedizione bloccata tra i ghiacci

Il COVID-19 blocca una delle più importanti missioni internazionali scientifiche, il progetto MOSAiC, in seguito alla positività al virus di uno scienziato.

Alcuni ricercatori sono ancora a bordo dalla nave tedesca Polarstern, incagliata volutamente nel Mar Glaciale Artico da diversi mesi. Il progetto, rappresentato da un team internazionale di scienziati, ha un costo di 150 milioni di dollari e studierà gli effetti del cambiamento climatico nell’Artico.

Il ricercatore della missione scientifica che ha contratto il virus avrebbe dovuto effettuare dei campionamenti aria-mare nella zona artica, a bordo di un  aeroplano ad uso scientifico. La persona infetta aveva partecipato, infatti, ad un workshop a Bremerhaven, in Germania, il 5 marzo scorso con altri membri del team, ad oggi in quarantena nelle loro case sotto la direzione delle agenzie sanitarie tedesche. Per minimizzare il rischio di contagio al coronavirus, a tutti gli scienziati del progetto MOSAiC è stato effettuato un tampone sia prima di partire in Norvegia, sia prima di arrivare sulla Polarstern.

“ Il rischio è che il virus possa propagarsi molto rapidamente sulla nave”, dice Lynne Talley, oceanografa fisica presso lo Scripps Institution of Oceanography a La Jolla, California. Dallo scorso Ottobre 2019, la Polarstern è bloccata nel ghiaccio marino artico, alla deriva a 156 chilometri dal Polo Nord.

Nello stesso tempo due aerei di ricerca, Polar 5 e Polar 6, avrebbero dovuto raccogliere dati importanti in primavera, incluse immagini e dimensioni del ghiaccio marino, insieme ai dati atmosferici. I dati dell’aereo andrebbero a completare quelli raccolti nei dintorni della nave e avrebbero aiutato a riempire un “buco” di dati sull’Artico centrale che i satelliti di telerilevamento non possono acquisire a causa delle loro orbite. Gli aerei sono dotati di speciali “sci” per atterrare su una pista di ghiaccio vicino alla nave. In questo modo, squadre di ricercatori utilizzano la nave come base per condurre esperimenti sul ghiaccio vicino sistemi fisici, geochimici e biologici dell’Artico.

In questi giorni, i leader della spedizione stanno lavorando insieme con le autorità norvegesi, per portare avanti la missione in sicurezza per i cento ricercatori della missione MOSAiC che ad oggi non sono risultati positivi al coronavirus, considerato che le dure restrizioni imposte dalla Norvegia hanno rimandato la missione fino a quando la quarantena non verrà revocata.

Elide Lomartire


Leggi anche:

  1. Corona Virus: Istruzioni dell’ICS per limitare la diffusione del Corona Virus per evitare inutili restrizioni del traffico internazionale
  2. Nuovo primato per Energy Observer, prima nave a idrogeno e rinnovabili a raggiungere il Circolo Polare Artico
  3. MARINA MILITARE: LA MARINA MILITARE TORNA AL CIRCOLO POLARE ARTICO
  4. MARINA MILITARE: PRESENTATA LA CAMPAGNA DI GEOFISICA IN ARTICO “HIGH NORTH 17”
  5. Virus Ebola: garantire la sicurezza degli equipaggi

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=74330

Scritto da Elide Lomartire su apr 2 2020. Archiviato come Ambiente, Internazionale, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab