Home » Italia, Logistica, News, Trasporti » ANAMA: LA NUOVA ALITALIA SIA STRATEGICA PER IL PAESE

ANAMA: LA NUOVA ALITALIA SIA STRATEGICA PER IL PAESE

IL PRESIDENTE DI ANAMA, ALESSANDRO ALBERTINI: “IL CARGO AEREO RAPPRESENTA IL 26% DEL VALORE ECONOMICO DELL’EXPORT EXTRA UE: È FONDAMENTALE CHE LA NUOVA ALITALIA SUPPORTI LE NOSTRE IMPRESE NELL’IMPORT/EXPORT”

Milano-È importante che la nuova Alitalia sia costituita valorizzandone la funzione di vettore di trasporto merci. È questa la richiesta fatta da ANAMA (Associazione Nazionale Agenti Merci Aeree, sezione aerea di Fedespedi e aderente a Confetra) con una lettera al Ministero dell’Economia, al Ministero dello Sviluppo Economico, al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Obiettivo di ANAMA: offrire il proprio contributo in questa fase embrionale di ristrutturazione della compagnia aerea, aprendo a un confronto sul tema. All’art. 79 del “Decreto Cura Italia”, infatti,  è prevista la creazione di una “nuova Alitalia” interamente controllata dal MEF o controllata da una società a prevalente partecipazione pubblica anche indiretta.

Il Presidente di ANAMA, Alessandro Albertini afferma: “La strategicità del trasporto merci nel settore aereo è nei dati: rappresenta circa il 2% del volume delle merci trasportate in tutte le modalità, a cui però corrisponde una quota rilevante del valore economico complessivo. Per le sole esportazioni verso Paesi extra EU parliamo di circa il 26% del valore economico (Position Paper Cargo Aereo e I studio Osservatorio Cargo Aereo), e per l’Italia le esportazioni contano circa il 30% del Pil. Il cargo aereo è fondamentale anche nell’import, in particolare nelle filiere dell’elettronica, della meccanica e della farmaceutica.

Per questo come spedizionieri aerei che gestiscono quotidianamente l’import-export del Paese, crediamo che sia necessario che questa funzione venga esplicitata a partire dall’attuale fase costitutiva, dedicando ampio spazio al trasporto merci nello Statuto e nell’oggetto sociale della nuova Alitalia. La crisi in atto mostra ancor di più l’importanza di avere un sistema di trasporto merci via aerea attivo, efficiente e a servizio del Paese: il cargo aereo è l’unica modalità di trasporto che consente di raggiungere in un breve lasso di tempo i mercati di destinazione finale.”

“In passato la strategicità del cargo aereo per Alitalia non è stata considerata in modo adeguato, aggiunge Albertini, per questo crediamo che sia essenziale rivendicarlo ora con forza. Avere una Alitalia forte nel cargo darebbe maggiore competitività per i nostri prodotti esportati, e genererebbe ricchezza per il Paese perché le merci viaggerebbero da / per aeroporti italiani.”

“Per questo, conclude Albertini, crediamo anche che la nuova Alitalia dovrebbe essere una compagnia dedicata ai voli di lungo raggio con una flotta potenziata da velivoli all cargo, come i player mondiali tradizionali. Le rotte nazionali ed europee sono già coperte dalle low cost che risultano più competitive nei voli brevi e così sarà anche dopo la crisi. Per le compagnie tradizionali i voli remunerativi sono quelli a lungo raggio. Il cargo aereo funziona proprio sulle rotte lunghe poiché è residuale la quota di merci che viaggia per via aerea all’interno del mercato nazionale ed europeo.”

Leggi anche:

  1. ALESSANDRO ALBERTINI È IL NUOVO PRESIDENTE DI ANAMA PER IL TRIENNIO 2020-2022
  2. PUBBLICATO OGGI IL BANDO DI GARA PER LA REALIZZAZIONE DEL II STUDIO OSSERVATORIO CARGO AEREO
  3. Confetra al fianco di Anama e dell’intero Cluster Cargo Aereo
  4. OSSERVATORIO CARGO AEREO: GLI AEROPORTI ITALIANI SONO COMPETITIVI RISPETTO A QUELLI EUROPEI PER INFRASTRUTTURE, TRAFFICO, SERVIZI E INVESTIMENTI?
  5. Alitalia cliff?

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=74778

Scritto da Redazione su apr 21 2020. Archiviato come Italia, Logistica, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab