Home » Cantieri, Italia, Nautica, News, Trasporti » CANTIERE NAVALE VITTORIA COSTRUIRA’ IL PRIMO PATTUGLIATORE D’ALTURA “GREEN” DELLA GUARDIA DI FINANZA ITALIANA

CANTIERE NAVALE VITTORIA COSTRUIRA’ IL PRIMO PATTUGLIATORE D’ALTURA “GREEN” DELLA GUARDIA DI FINANZA ITALIANA

L’azienda veneta si è aggiudicata la commessa dal Comando Generale delle Fiamme Gialle per la realizzazione di un OPV da 60 metri dotato di motori ausiliari elettrici per basse emissioni e consumi ridotti. Valore dell’ordine oltre 32milioni di euro

Adria (Ro)-Il Cantiere Navale Vittoria, azienda specializzata nella progettazione e realizzazione di imbarcazioni militari, paramilitari, da lavoro, commerciali e da trasporto fino a 100 metri di lunghezza, si è aggiudicato la commessa per la progettazione e costruzione di una unità di tipo Offshore Patrol Vessel destinata alla Guardia di Finanza Italiana. L’imbarcazione, da circa 60 metri di lunghezza, sarà il primo pattugliatore d’altura green della flotta in dotazione delle Fiamme Gialle e verrà impiegata per lo svolgimento delle funzioni di polizia economico- finanziaria in mare.

L’ordine del Comando Generale della Guardia di Finanza ha un valore complessivo di 32 milioni e 400 mila euro (di cui 28 milioni di euro per la piattaforma navale, circa 3 milioni di euro per la fornitura di carburante e 1 milione e 400 mila euro di servizi di assistenza post-vendita) e prevede anche un’opzione per la costruzione di ulteriori 3 unità.

Lungo 60 metri, largo circa 10 metri e con un pescaggio di oltre 4 metri, il nuovo OPV di Casa Vittoria avrà la particolare prua ad ascia o Axe Bow in grado di garantire un’ottima tenuta al mare anche in condizioni meteo-marine difficili e senza dover limitare la velocità e la caratteristica di essere un mezzo a basse emissioni e a ridotto impatto ambientale grazie alla presenza di un motore ibrido. La presenza di due generatori elettrici ausiliari per la propulsione a basse velocità di pattugliamento, circa 8-9 nodi, garantirà livelli di emissioni molto contenute rispetto all’impiego dei tradizionali motori endotermici, ridotto consumo di carburante e rumorosità contenuta, l’ideale per questa tipologia di imbarcazioni che svolge la sua attività a velocità di “pattugliamento” e cioè a bassa o bassissima andatura.

L’unità otterrà le notazioni Efficient Ship Eedi (Energy Efficiency Design Index – Indice di efficienza energetica nella progettazione), notazione addizionale di classe dedicata all’efficienza energetica delle navi, Green Plus e Green Passport Plus legata all’impatto ambientale, tutte rilasciate dal RINA.

La consegna dell’unità è prevista entro i 18 mesi dall’avvio dell’esecuzione contrattuale.

«Con orgoglio – dichiara Luigi Duò del Cantiere Navale Vittoria, azienda da oltre 67 milioni di euro di valore della produzione, ebitda a quota 3 milioni e 400 mila euro nel 2019 e circa 65 dipendenti- annunciamo questo importante risultato arrivato in un momento di difficoltà collettiva che proietta però collaboratori e maestranze in un futuro fatto di crescente impegno e nuove sfide. Siamo fieri di ritornare a collaborare con la Guardia di Finanza del nostro Paese per la quale avevamo già realizzato i pattugliatori gemelli P01 Monte Sperone e P02 Monte Cimone, le più grandi navi mai realizzata per il corpo di Polizia, e di raggiungere un ulteriore e importante primato. Consegneremo, infatti, alle Fiamme Gialle il primo pattugliatore verde della flotta, un vero e proprio concentrato di tecnologia e soluzioni all’insegna della sostenibilità ambientale».

Leggi anche:

  1. BUSETTO, CANTIERE NAVALE VITTORIA: «SERVONO MISURE PER CANTIERISTICA NAVALE PRIVATA»
  2. CANTIERE NAVALE VITTORIA, AL VIA LA COSTRUZIONE DELLE UNITA’ SAR CLASSE 300 DESTINATE ALLA GUARDIA COSTIERA ITALIANA
  3. CANTIERE NAVALE VITTORIA, DALLA GRECIA L’ORDINE PER IL QUARTO FAST PATROL VESSEL DESTINATO ALLA GUARDIA COSTIERA
  4. RECORD PER IL CANTIERE NAVALE VITTORIA: DIPENDENTI PREMIATI CON UNA MENSILITÀ IN PIÙ
  5. VARATO PATTUGLIATORE “LUIGI DATTILO” DELLA GUARDIA COSTIERA ITALIANA

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=76569

Scritto da Redazione su giu 29 2020. Archiviato come Cantieri, Italia, Nautica, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab