Home » Internazionale, News, Trasporti, Turismo » Il trasporto aereo pensa al post Covid – 19

Il trasporto aereo pensa al post Covid – 19

Londra. Il settore del trasporto aereo delle merci e in particolare i servizi espresso stanno registrando una forte crescita. La modernizzazione delle infrastrutture e delle procedure di trasporto aereo delle merci offre la possibilità di ridurre i tempi di trasporto end-to-end fino a 48 ore. Nel futuro si prevede una crescita continua dell’uso del vettore aereo per il trasporto di merci e di superare le performance del mercato del trasporto marittimo e molte compagnie di trasporto aereo sono già nel post Covid-19.  La consegna del vaccino Covid -19 sarà una delle più grandi sfide logistiche della storia moderna del trasporto internazionale. “Nessuna azienda può possedere la catena di fornitura di vaccini end – to – end” è la considerazione che i global carrier del trasporto aereo stanno portando avanti con convinzione.

L’Associazione Internazionale del carico aereo (TIACA = The International Air Cargo Association) e la Pharma.Aero hanno messo a punto una guida di linee operative per  l’industria dell’air cargo sul trasporto di vaccini Covid – 19. Il processo delle modalità di trasporto dei vaccini, evidenziato nella guida operativa,  e messo a punto da un gruppo di lavoro congiunto di esperti è suddiviso in quattro parti ed aiuterà a garantire l’efficienza del trasporto aereo di merci e dei prodotti farmaceutici. Sul campo operativo, l’Associazione TIACA, unitamente a Pharma.Aero, si impegnerà a garantire la formazione degli operatori di tale particolare trasporto aereo con corsi e webinar  dedicati da concludere entro la fine del 2020.

L’obiettivo di tale programma è fornire all’industria del trasporto aereo di merci una maggiore chiarezza sulle richieste, aspettative e requisiti della catena di fornitura di qualità, inclusi ma non limitati a rotte commerciali critiche, capacità di carico aereo, movimentazione e stoccaggio, requisiti di tracciabilità e rintracciabilità, per il trasporto di vaccini. Allo stesso tempo, i caricatori acquisiranno una maggiore comprensione delle capacità dei vari attori della logistica. Ciò garantirà che, una volta che il vaccino sarà disponibile sul mercato, l’industria del trasporto aereo di merci sarà pronta a rispondere alle esigenze degli spedizionieri e trasportare i vaccini in condizioni ottimali in tutti gli angoli del globo. Predisporre un trasporto aereo end- to – end affidabile per gli spedizionieri farmaceutici fa parte della visione e della missione della Pharma/Aero e soprattutto certificare gli operatori  aeroportuali  sulla manipolazione di merci aviotrasportate.

La Pharma.Aero è a fianco degli spedizionieri farmaceutici, collabora con le principali comunità cargo certificate CEIV(Center of Excellence for Independent Validators), operatori aeroportuali e altri attori del settore del trasporto aereo. Sostanzialmente è una piattaforma mondiale che nasce dall’aeroporto di Bruxelles insieme all’aeroporto di Miami su programma CEIV.  Ricordiamo brevemente che la tipologia del trasporto end-to-end o E2E (da un capo all’altro) include tutti gli step che fanno parte della gestione della merce, dalla ricezione delle materie prime alla consegna del prodotto finito nelle mani del cliente. Il team che si occupa dello smistamento, della produzione e della consegna deve conoscere lo stato del materiale dall’inizio alla fine del processo. Questa modalità tende ad abbreviare i tempi e a rendere la normale catena di distribuzione più rapida ed efficace.

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. LOGISTICA E TRASPORTO: IMPATTO E CONSEGUENZE DEL COVID-19
  2. CLUSTER CARGO AEREO e EY – Osservatorio Cargo Aereo: diamo i numeri!
  3. OSSERVATORIO CARGO AEREO: GLI AEROPORTI ITALIANI SONO COMPETITIVI RISPETTO A QUELLI EUROPEI PER INFRASTRUTTURE, TRAFFICO, SERVIZI E INVESTIMENTI?
  4. Trasporto aereo: si va verso emissioni standard di CO2
  5. Trasporto aereo: si accentua la crisi

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=77887

Scritto da Abele Carruezzo su ago 19 2020. Archiviato come Internazionale, News, Trasporti, Turismo. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab