Home » Europa, Internazionale, News, Trasporti » Ue con IRINI nel Mediterraneo controlla embargo armi in Libia

Ue con IRINI nel Mediterraneo controlla embargo armi in Libia

Bruxelles. L’Unione europea sta intensificando gli sforzi per far rispettare l’embargo sulle armi delle Nazioni Unite alla Libia e per sostenere il processo di pace per il paese. La nuova missione europea sta utilizzando risorse aeree, satellitari e marittime per identificare movimenti sospetti e sta effettuando ispezioni di navi in alto mare al largo delle coste libiche sospettate di trasportare armi o materiale correlato da o verso la Libia. L’ultima intercettazione operativa è avvenuta su una nave cisterna, la Royal Diamond 7, battente bandiera delle Isole Marshall. La nave petroliera di 13.000 dwt era partita dal porto di Sharjah negli Emirati Arabi Uniti e faceva rotta su Bengasi in Libia. Informazioni dell’intelligence affermavano che la nave trasportava un carico di carburante per aviogetti che poteva essere utilizzato per scopi militari, e quindi incluso nelle sanzioni delle Nazioni Unite.

All’operazione militare hanno partecipato la fregata tedesca FGS Hamburg con il supporto della fregata italiana ITS Margottini. La petroliera Royal Diamond 7 si trovava in acque internazionali, a 75 miglia nautiche a nord della città libica di Derna (Cirenaica). I militari, saliti a bordo della Royal Diamond 7, abbordaggio con elicottero, hanno intimato alla nave di non entrare in Libia e quindi è stata dirottata in acque europee al largo delle coste della Grecia per ulteriori indagini, e risulta attualmente  detenuta. La missione europea, denominata EUNAVFOR MED IRINI (dal greco Irini significa per la pace), è stata avviata il 4 maggio 2020, dopo l’incontro di Berlino del gennaio 2020 sulla situazione libica. I partecipanti hanno deciso di lanciare “Irini” in sostituzione di una precedente iniziativa nota come “Sophia” che era stata lanciata nel giugno 2015.

Il mandato iniziale di “Irini” durerà fino a marzo 2021. Obiettivi sono far rispettare l’embargo sulle armi e monitorare le esportazioni illecite comprese il petrolio greggio e i prodotti petroliferi raffinati; oltre a cercare di interromperne il traffico ed anche quello di esseri umani. La missione operativa sosterrà anche l’addestramento della Guardia Costiera libica. Durante i primi quattro mesi di operatività, la missione ha effettuato 650 chiamate e 12 approcci amichevoli e abbordaggi di navi mercantili. L’operazione ha monitorato le navi sospette in mare in più di dieci porti e punti di sbarco. Ha inoltre rilevato 80 voli sospetti che potrebbero trasportare carichi militari da e verso la Libia, monitorando 25 aeroporti e piste di atterraggio. Lo sforzo è assistito anche dal Sat Cen (Centro satellitare dell’Unione europea), che ha fornito più di 230 set d’immagini satellitari su richiesta degli operatori militari della missione “Irini”.

 

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. CHI CONTROLLA LA LOGISTICA CONTROLLA L’ECONOMIA. CHI CONTROLLA LA LOGISTICA ITALIANA?
  2. ICS preoccupata dall’incidente di salvataggio dei migranti del Mediterraneo
  3. UE pronta per l’operazione “Sophia” in Mediterraneo
  4. UE: Mediterraneo crisi umanitaria difficile per ECSA e ICS
  5. US Coast Guard aggiorna il livello Port Security per la Libia

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=78725

Scritto da Abele Carruezzo su set 15 2020. Archiviato come Europa, Internazionale, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab