Home » Ambiente, Europa, Italia, News, Trasporti » TAP INIZIA L’ATTIVITÀ COMMERCIALE: II CORRIDOIO MERIDIONALE DEL GAS ENTRA NELLA FASE OPERATIVA

TAP INIZIA L’ATTIVITÀ COMMERCIALE: II CORRIDOIO MERIDIONALE DEL GAS ENTRA NELLA FASE OPERATIVA

Baar, Svizzera-A quattro anni e mezzo dalla cerimonia inaugurale dei lavori di costruzione a Salonicco, TAP avvia le operazioni commerciali lungo gli 878 km che attraversano la Grecia, l’Albania, il Mare Adriatico e l’Italia. Un team di professionisti del settore ampio e multidisciplinare ha lavorato con competenza ed efficacia in condizioni sfidanti per consegnare nei tempi previsti e in piena sicurezza un’infrastruttura energetica strategica per l’Europa e i Paesi attraversati.

TAP è il tratto europeo del Corridoio Meridionale del Gas, un’infrastruttura in grado di trasportare 10 miliardi di metri cubi all’anno di nuove forniture di gas dall’Azerbaigian verso i mercati europei. TAP opera in linea con standard di qualità, salute, sicurezza e ambiente riconosciuti a livello internazionale ed è stato progettato e realizzato con la possibilità di raddoppiare la sua capacità di trasporto a 20 miliardi di metri cubi all’anno. Luca Schieppati, Managing Director di TAP, commenta così: «Oggi, la nostra visione a lungo termine è finalmente diventata realtà.

Sono estremamente orgoglioso di questo risultato, reso possibile, in primo luogo, dalla dedizione e dall’impegno delle donne e degli uomini di TAP, dalla solida fiducia e dal sostegno continuo dei nostri azionisti, di tutti i governi presenti lungo la catena del valore e dell’Unione Europea, così come dei fornitori e degli appaltatori che hanno lavorato al progetto. In qualità di nuovo Transmission System Operator che opera in conformità con le migliori pratiche e standard del settore, TAP consente di raggiungere un doppio obiettivo: l’apertura di una nuova rotta dell’energia affidabile e sostenibile e la disponibilità di una nuova fonte di gas che raggiungerà milioni di utenti finali europei nei decenni a venire».

Murad Heydarov, presidente del consiglio di amministrazione di TAP, aggiunge: «Il Corridoio Meridionale del Gas apre la via per l’approvvigionamento di gas naturale dall’Azerbaigian all’Europa ed è uno dei sistemi più moderni e affidabili attualmente disponibili per il trasporto di energia. Componente essenziale dei 3.500 km del Corridoio Meridionale del Gas, TAP garantisce all’Europa una fornitura strategica e competitiva in grado di rafforzarne la sicurezza energetica. Allo stesso tempo, TAP offre un contributo all’obiettivo dell’Unione Europea di realizzare un mercato energetico integrato e di mettere a disposizione un mix energetico sostenibile, sicuro e diversificato per la transizione energetica in corso».

Alcuni numeri su ciò che il progetto TAP ha comportato finora:

• Il gasdotto si sviluppa attraverso la Grecia (550 km) e l’Albania (215 km), passa sotto il mare Adriatico (105 km) e termina in Italia (8 km).

• Circa 55.000 condotte posate lungo il percorso, che ha raggiunto un’altitudine di 2.100 metri nelle montagne albanesi e una profondità di 810 metri nel mare Adriatico.

• Oltre 50 milioni di ore-uomo lavorate e circa 140 milioni di chilometri percorsi senza incidenti di rilievo: un record di sicurezza di livello mondiale.

• Un Project Financing da 3,9 miliardi di euro ottenuto grazie al pieno raggiungimento degli stringenti requisiti sociali e ambientali delle istituzioni finanziatrici.

• Un costante impegno con le comunità lungo il percorso del gasdotto, che ha consentito a TAP di stabilire rapporti di fiducia e di implementare una vasta gamma di investimenti sociali e ambientali nei territori attraversati dall’infrastruttura.

• Lo sviluppo di una forte cultura aziendale basata sui valori dell’eccellenza, dell’integrità e della responsabilità e riassunta nel motto «il modo in cui otteniamo i nostri risultati è importante quanto i risultati stessi». L’azionariato di TAP è composto da BP (20%), SOCAR (20%), Snam (20%), Fluxys (19%), Enagas (16%) e Axpo (5%). Gli azionisti di TAP hanno approvato la delibera relativa allo sviluppo e alla costruzione del progetto alla fine del 2013.

Leggi anche:

  1. AdSP MTS: La Bretella per Piombino entra in fase esecutiva
  2. LA PISTA DEL KAROL WOJTYLA DI BARI OPERATIVA NELLA NUOVA CONFIGURAZIONE MASSIMA A 3.000 METRI
  3. Il porto di Ancona entra nella stagione calda
  4. Accordo di collaborazione tra AdSP MAM e AdSP MTCS per sviluppare un corridoio intermodale Tirreno Centrale-Adriatico Meridionale
  5. INNOVATION CHALLENGE: AL VIA LA FASE OPERATIVA

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=80624

Scritto da Redazione su nov 16 2020. Archiviato come Ambiente, Europa, Italia, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab