Home » Ambiente, Europa, Nautica, News, Trasporti » L’ECSA accoglie con favore la nuova strategia di mobilità della Commissione europea e sottolinea la competitività del settore come prerequisito per il raggiungimento degli obiettivi

L’ECSA accoglie con favore la nuova strategia di mobilità della Commissione europea e sottolinea la competitività del settore come prerequisito per il raggiungimento degli obiettivi


Per opportuna informazione si segnala il Comunicato Stampa con il quale l’ECSA esprime apprezzamento per la nuova Strategia per la mobilità sostenibile e intelligente pubblicata oggi dalla Commissione europea, ECSA, sottolinea l’importanza di mantenere e migliorare la competitività del settore come prerequisito per raggiungere gli obiettivi  fissati nel documento.

” I settori dei trasporti europei sostenibili, connessi e resilienti sono fondamentali per mantenere la posizione globale dell’economia europea “, afferma Martin Dorsman, segretario generale dell’ECSA. ” Questa strategia arriva al momento giusto, poiché i settori dei trasporti e della mobilità cercano di tornare ad essere più forti dopo la crisi del COVID-19, in linea con gli obiettivi del Green Deal “.

Lo shipping è già la modalità di trasporto più CO2-friendly. Svolge un ruolo fondamentale nell’obiettivo dell’UE di rendere l’Europa il primo continente climaticamente neutro entro il 2050, quando il completamento dello Spazio unico europeo dei trasporti -non ancora una realtà per il trasporto marittimo europeo – rappresenterà una pietra miliare significativa. In particolare, il trasferimento modale verso il trasporto marittimo a corto raggio come modalità di trasporto più sostenibile sarà fondamentale per aiutare l’UE a raggiungere i suoi obiettivi di decarbonizzazione. La fornitura di adeguati finanziamenti dell’UE e l’accesso a finanziamenti sostenibili, ad esempio attraverso una definizione più granulare di tassonomia marittima che tenga conto dell’enorme diversità dei vari segmenti marittimi europei sono di alta priorità, in modo che il settore possa investire nella sua transizione verde e digitale .

L’industria marittima europea è pienamente impegnata nell’eliminazione delle emissioni di gas serra dal settore. Si compiace dei riferimenti nella strategia all’importanza di lavorare a stretto contatto con l’IMO su misure concrete volte a raggiungere obiettivi globali coerenti con l’accordo di Parigi. L’industria marittima europea è fermamente convinta che un approccio globale sia preferibile a misure regionali come la proposta estensione dell’ETS dell’UE alla navigazione o la revisione della direttiva sulla tassazione dell’energia. Un recente studio ECSA / ICS sulle implicazioni dell’estensione dell’attuale EU ETS al trasporto marittimo internazionale mette in luce i molti aspetti negativi connessi a tale estensione.

Dorsman sottolinea anche l’importanza di un approccio coerente alla decarbonizzazione del trasporto marittimo: “Plaudiamo agli sforzi della Commissione per integrare diversi sforzi legislativi nella strategia. Gli armatori europei hanno bisogno di coerenza normativa e certezza a lungo termine per essere in grado di effettuare i necessari investimenti verdi e digitali e rimanere competitivi a livello globale. La strategia riconosce giustamente che la navigazione deve affrontare maggiori sfide per la decarbonizzazione rispetto ad altri settori, a causa dell’attuale mancanza di tecnologie a zero emissioni pronte per il mercato, degli investimenti richiesti e della concorrenza internazionale, è necessario un quadro legislativo coerente che affronti anche le responsabilità dei fornitori di combustibili e le esigenze infrastrutturali ”.

A tal fine, l’ECSA accoglie con favore l’imminente revisione della direttiva sulle infrastrutture per i combustibili alternativi (AFID) e della direttiva sulle energie rinnovabili (RED II) e sottolinea che qualsiasi proposta sul FuelEU Maritime dovrebbe essere tecnologicamente neutra, basata sugli obiettivi e coerente con Strategia iniziale dell’IMO sulle emissioni di gas serra in modo da incoraggiare ulteriori misure di efficienza tecnica e operativa. Sull’ETD, l’ECSA suggerisce di esentare dalla tassazione tutte le fonti di energia consegnate alle navi, per creare condizioni di parità tra i combustibili attualmente utilizzati ei nuovi combustibili alternativi e altre fonti di energia come l’elettricità.

” Allo stesso modo, riteniamo che il piano di revisione del regolamento sul riciclaggio delle navi solo due anni dopo l’entrata in vigore di uno dei suoi capisaldi (l’elenco UE degli impianti di riciclaggio approvati), vada contro il principio della migliore regolamentazione della Commissione, poiché è prematuro e crea solo incertezza per gli operatori ” , ha continuato Dorsman.

La sostenibilità ambientale deve andare di pari passo con la sostenibilità sociale ed economica. L’ECSA accoglie quindi con favore il riconoscimento dell’importante ruolo dei lavoratori dei trasporti nella strategia, e in particolare l’attenzione rivolta alla gente di mare.

In considerazione della natura globale del settore, il quadro generale per le risorse umane nel trasporto marittimo sono le convenzioni internazionali nell’ambito dell’ILO e dell’IMO. È essenziale che l’UE compia sforzi per garantire che la Convenzione MLC (Maritime Labour Convention) raccolga il maggior numero possibile di ratifiche e venga debitamente applicata.

Data l’importanza della parità di condizioni a livello mondiale, l’ECSA mette in guardia contro iniziative che si allontanano dalle norme globali.

Gli armatori europei attribuiscono grande importanza a standard eccellenti di sicurezza e protezione sia per gli equipaggi che per i passeggeri. L’ECSA attende con interesse di collaborare con la Commissione sulle prossime revisioni del quadro legislativo sulle responsabilità dello Stato di bandiera, sul controllo dello Stato di approdo e sulle indagini sugli incidenti

Infine, Dorsman ha aggiunto che: “Il mantenimento e la promozione della competitività del settore marittimo è un prerequisito affinché il settore raggiunga i suoi obiettivi di sostenibilità ambientale e sociale. Oltre alla necessità di completare il mercato interno della navigazione e di fornire accesso al finanziamento delle navi, garantendo una concorrenza internazionale senza distorsioni, reciprocità e condizioni di parità sono essenziali per il settore marittimo europeo.

“L’ ECSA accoglie con grande favore l’impegno della Commissione di approfondire le relazioni di trasporto con i partner internazionali nuovi ed esistenti e continuerà a sostenere il lavoro della Commissione per garantire che gli accordi commerciali riflettano le esigenze dell’industria marittima europea in modo da rimanere una risorsa geostrategica vitale per l’UE , di fronte a sfide globali senza precedenti “.

ECSA-ICS Study on the “Implications of application of the EU Emissions Trading System (ETS) to international shipping, and potential benefits of alternative Market-Based Measures (MBMs)” https://www.ecsa.eu/sites/default/files/publications/ECSA-ICS-2020-Study-on-EU-ETS.pdf

Short URL: https://www.ilnautilus.it/?p=81043

Scritto da su Dic 10 2020. Archiviato come Ambiente, Europa, Nautica, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab