Home » Cultura, Internazionale, News, Trasporti » Il Regno Unito esce da Erasmus e lancia Turing

Il Regno Unito esce da Erasmus e lancia Turing

Bruxelles. Per gli studenti europei, si prospettano per ora tempi duri dato che, senza l’Erasmus e con i nuovi vincoli sui soggiorni imposti dalla Brexit, studiare nel Regno Unito sarà adesso più difficile e soprattutto costoso. Dal primo gennaio 2021, il Regno Unito è diventato a tutti gli effetti un paese terzo rispetto all’Ue e, in quanto tale, non ha più il diritto di partecipare a nessun programma europeo dato che questi sono riservati esclusivamente agli Stati membri.

Tra le ‘uscite’ più importanti causate dalla Brexit vi è (forse perché si stanno valutando alcune condizioni) l’addio del Regno Unito all’Erasmus. Progetto che per trent’anni ha interessato milioni di universitari permettendo loro di studiare in un altro paese dell’Ue, garantendo la formazione di cittadini europei. Negli ultimi sette anni (2014-2020) sono stati oltre 100 mila gli studenti inglesi che vi hanno partecipato.

Il premier britannico Boris Johnson, nel descrivere l’accordo’Brexit’, ha sottolineato che l’uscita da Erasmus è stata una “scelta difficile”, anche per i costi da sostenere per mantenere detto programma. Per questo, Erasmus sarà sostituito dal Turing Programme, che permetterà agli studenti inglesi di trascorrere periodi di studio all’estero, non solo in Europa, ma in tutto il mondo. Intanto  le polemiche non si placano con la premier scozzese, Nicola Sturgenon, che ha marcato l’uscita da Erasmus come un “vandalismo culturale”. Gli studenti inglesi di Belfast potranno continuare a partecipare all’Erasmus, visto che il governo irlandese pagherà loro le borse di studio.

Abele Carruezzo

Short URL: https://www.ilnautilus.it/?p=81377

Scritto da su Gen 4 2021. Archiviato come Cultura, Internazionale, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab