sabato, Settembre 25, 2021
HomeAuthorityPorto di Pescara: Testa si dimette

Porto di Pescara: Testa si dimette

«Non avendo i mezzi e gli strumenti giuridici per operare rassegno le mie dimissioni»: così Guerino Testa, in qualità di commissario straordinario per il dragaggio del porto di Pescara, scrive al premier Mario Monti. Testa, che  è presidente della Provincia di Pescara, rimette «al Governo centrale il compito di provvedere a sanare l’attuale situazione del fiume Pescara» di cui si attende da tempo il dragaggio per garantirne la navigabilità. E addirittura arriva a paventare «atti di disperazione legati allo stato di crisi» della marineria locale che «da troppo tempo» vive una situazione «sempre più insostenibile».

Testa, il 20 giugno 2011, con ordinanza della Presidenza del Consiglio dei ministri contenente disposizioni urgenti di protezione civile,
era stato nominato commissario delegato per la realizzazione, «in termini di somma urgenza, degli interventi da eseguirsi nell’area del porto di Pescara»: caratterizzazione dell’area della darsena portuale e del porto canale e successivo completamento del dragaggio.

«Da tempo mi trovo impossibilitato a esercitare fattivamente l’incarico – scrive Testa nella lettera consegnata questa mattina alla stampa.
Sulla mia strada ho trovato una serie di veti incrociati insuperabili, e ho purtroppo registrato la mancanza, da parte del Governo, sia di provvedimenti fondati su accertamenti tecnici ritenuti attendibili, dirimendo così i dubbi in ordine alla qualità del materiale da dragare, sia di semplici risposte alle svariate istanze e richieste di incontro presentate in tempi e modi diversi».

“La gravissima situazione di impraticabilità in cui versa il porto di Pescara determina crescenti danni di tipo economico, sociale, turistico e di immagine della città, oltre a un concreto rischio di esondazione del fiume le cui conseguenze si prospettano tra le più disastrose per il capoluogo adriatico. Rinuncia all’incarico, Testa, ma promette che sarà, comunque, sempre al fianco della marineria, degli  operatori portuali e della comunità pescarese estremamente danneggiata da questa situazione”.

 

Matteo Bianchi

RELATED ARTICLES

Most Popular