lunedì, Settembre 27, 2021
HomeAuthorityPorto di Livorno:al via allargamento canale accesso grandi navi

Porto di Livorno:al via allargamento canale accesso grandi navi

Tutto e’ pronto per l’allargamento del canale di accesso al porto di Livorno che permettera’ l’ingresso delle navi da 8 mila contenitori a pieno carico. Ad annunciarlo la Port Authority che oggi ha pubblicato il bando per la gara d’appalto dei lavori: ”Dopo anni di attesa e passacarte burocratici con i ministeri e gli enti competenti, e’ stato pubblicato il bando di gara per la realizzazione del micro-tunnel di attraversamento del canale di accesso al porto”.

”Quest’opera – ha dichiarato il presidente della Port Authority di Livorno, Giuliano Gallanti – e’ di fondamentale importanza per il nostro porto. Con l’allargamento della sezione navigabile del canale d’accesso verranno meno tutte quelle restrizioni che sino ad oggi hanno impedito alle navi di ultima generazione di raggiungere lo scalo”. I lavori (l’importo a base di gara e’ di 6 milioni 154 mila euro, con aggiudicazione per l’offerta economicamente piu’ vantaggiosa) interessano la parte finale della strettoia che oggi di fatto impedisce alle navi di 8 mila teus di navigare a pieno carico, complice la presenza degli oledotti dell’Eni, che ne restringe il passaggio.

Con il trasferimento di queste tubazioni all’interno di un tunnel sara’ finalmente possibile resecare la sponda nord del Canale e costruire una nuova banchina sul lato della Torre del Marzocco arretrata di 25 metri. Gli interventi di riprofilamento porteranno la sezione navigabile ad una larghezza utile di 120 metri, mentre attualmente le navi hanno a disposizione 75 metri per la navigazione.

L’intervento era atteso da luglio del 2010, quando Authority ed Enel hanno cominciato ad incontrarsi per definire un progetto condiviso che consentisse lo spostamento degli oleodotti. Progetto la cui versione definitiva e’ stata presentata al Ministero dell’Ambiente a settembre del 2011. Da quel momento e’ trascorso quasi un anno e mezzo prima che da Roma dessero il via libera ai lavori.

RELATED ARTICLES

Most Popular