martedì, Dicembre 7, 2021
HomeAuthorityConsales: "Casilli non è il mio canditato. Intervenga Lupi"

Consales: “Casilli non è il mio canditato. Intervenga Lupi”

“La vicenda legata al futuro dell’Autorità Portuale si complica ogni giorno di più, anche a causa di interpretazioni forzate e di palesi strumentalizzazioni”. Lo afferma il Sindaco Mimmo Consales alla vigilia di una seduta particolarmente importante del Comitato Portuale.

“Appare strano il fatto che si sia voluto spostare il dibattito – aggiunge Consales – sulla nomina del nuovo segretario generale quando invece l’ostacolo maggiore è rappresentato dal punto all’ordine del giorno che verrà discusso in avvio di seduta e cioè l’approvazione del conto consuntivo. Gli ostacoli al voto favorevole del documento contabile non sono stati superati, nonostante un nuovo pronunciamento del Collegio dei Revisori dei Conti.

E questo è la madre dei problemi, tanto più perché ogni componente del Comitato Portuale potrebbe essere chiamato a dar conto del proprio operato innanzi alla Corte dei Conti. Il riferimento è ai 700.000 euro percepiti dai dipendenti per le premialità previste nel contratto di secondo livello. Un contratto mai passato al vaglio del Comitato Portuale. Ed a questo si aggiunge anche la somma di 1.200.000 euro che risulta tra le voci debitorie dell’Ente, riferita proprio al personale per competenze fisse e variabili riguardanti il 2012, ma da regolarizzare nel 2013.

A ciò si lega la perdita di consistenti finanziamenti per oltre cinquanta milioni di euro, di cui solo 31 sono stati indicati nel documento contabile. Anche in questo caso sarebbe stato opportuno indicare le ragioni (a partire dalle responsabilità dei funzionari) per cui non sono state avviate per tempo le procedure di gara, tanto da determinare la cancellazione del finanziamento.
Un motivo in più per imprimere uno stop alle tante carenze dell’Autorità Portuale che nel tempo hanno determinato lo sfascio del porto di Brindisi.

Per quanto riguarda, invece, la nomina del segretario generale, ribadisco ancora una volta che il dott. Casilli non è un candidato espresso dal Partito Democratico, né tantomeno dal sindaco Consales. Più semplicemente – ha concluso il primo cittadino – ho ribadito a chiare lettere che si può discutere anche su questo nominativo, ma il territorio non può continuare a pronunciare soltanto dei ‘no’, senza fare proposte concrete. Come si evince, pertanto, la situazione all’interno dell’ente portuale brindisino è divenuta insostenibile ed anche alla luce del recente pronunciamento dei dirigenti del PDL (la forza politica che ha scelto Haralambides) è giunto il momento di chiamare in causa con forza il Ministro Lupi per frenare questa lenta e imbarazzante agonia”.

RELATED ARTICLES

Most Popular