Home » Authority, News, Nord » Porto di Venezia: 12 milioni di euro da Ue per Autostrade del mare con Grecia

Porto di Venezia: 12 milioni di euro da Ue per Autostrade del mare con Grecia

VENEZIA – Oltre 12 i milioni di euro concessi dall’Unione Europea sono stati utilizzati per la realizzazione di iniziative concrete per incrementare un servizio di trasporto marittimo, regolare e affidabile tra il porto di Venezia e i porti greci.

A Venezia è stato realizzato uno dei principali investimenti nel settore portuale, il nuovo terminal traghetti di Fusina, che, insieme all’interporto progettato a Igoumenitsa, ridurrà l’inquinamento e migliorerà la logistica delle merci nel corridoio Adriatico-Ionico. Le ‘autostrade del mare’, è stato ribadito all’evento conclusivo del Progetto Adrianos stamane, alla presenza del coordinatore europeo per le Autostrade del Mare, Brian Simpson, e del presidente di Rete Autostrade Mediterranee Spa, Antonio Cancian, sono un asset fondamentale per lo sviluppo della portualità euro-mediterranea, italiana e dell’Alto Adriatico: una portualità efficiente che potrà essere di supporto per il previsto aumento +16% della movimentazione dei beni di consumo, agroalimentare, beni industriali e materie prime nei mercati intra-europei tra oggi e il 2020 (dati Mds Transmodal).

“Concludiamo – ha dichiarato Simpson – un importante progetto che ha consentito di collegare il sud dell’Europa, l’Italia e la Grecia, un progetto che trova la sua eccellenza nella capacità di tagliare i tempi di collegamento tra i mercati e consentire a merci e persone di poter scegliere anche la via del mare, oltre alla strada, per potersi spostare agevolmente. Per il futuro guardiamo con interesse a tutta l’area del Mediterraneo, oltre che all’Adriatico, per capire come possiamo contribuire a sviluppare nuovi progetti e stimolare investimenti.

A febbraio chiuderemo la prossima call per nuovi progetti, abbiamo un budget a disposizione di 300 milioni di euro da investire per i prossimi tre anni” “L’evento di oggi – ha commentato Cancian – dimostra come la congiuntura attuale sia particolarmente favorevole allo sviluppo di progettualità ad alto valore aggiunto, in virtù del disegno delle grandi reti infrastrutturali europee e delle risorse messe in campo dall’Europa per la loro realizzazione.

Per i porti italiani la sfida è duplice: inserirsi nei corridoi multi modali europei adeguando le infrastrutture di raccordo ferro-gomma-acqua e sviluppare servizi logistici avanzati a vantaggio del tessuto produttivo del territorio”.

Short URL: https://www.ilnautilus.it/?p=25889

Scritto da su Dic 12 2014. Archiviato come Authority, News, Nord. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab