Home » Authority, News, Nord » Porto di Trieste: firmato accordo per la sdemanializzazione

Porto di Trieste: firmato accordo per la sdemanializzazione

TRIESTE – Oggi presso la Centrale Idrodinamica si è svolta la riunione conclusiva tra l’Autorità Portuale, il Comune di Trieste, la Regione FVG, l’Agenzia del Demanio, il Genio Civile e la Capitaneria di Porto, durante la quale sono state individuate le aree demaniali marittime attualmente di pertinenza dell’APT, che verranno sdemanializzate ed assegnate al Comune di Trieste.

Come previsto dalla legge di stabilità 2015 passeranno al Comune tutte le aree e gli edifici del Porto Vecchio, esclusi la sede della Capitaneria di Porto, il Molo IV, il Molo III, l’Adriaterminal, il Molo 0, la Diga vecchia, la fascia costiera prospicente la prima fila dei magazzini storici e la zona del terrapieno di Barcola, dove sono situate le società sportive.

“Trieste vuole e può cambiare. L’accordo di oggi, frutto di un ottimo lavoro di squadra tra i tecnici di tutti gli Enti coinvolti, lo dimostra. Da domani lavoriamo per lo spostamento del Punto Franco. Ascolteremo gli operatori e gli stakeholder per agire nell’interesse di tutte le categorie economiche e della città.” Queste le parole del Commissario Zeno D’Agostino a conclusione dell’incontro sulla sdemanializzazione del Porto Vecchio.

Short URL: https://www.ilnautilus.it/?p=28714

Scritto da su Apr 28 2015. Archiviato come Authority, News, Nord. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab