Home » Authority, News, Sud » FIRMATO IL PROTOCOLLO D’INTESA TRA I PORTI DI BARI E DURAZZO

FIRMATO IL PROTOCOLLO D’INTESA TRA I PORTI DI BARI E DURAZZO

BARI – Alla presenza del primo ministro albanese, Edi Rama, il commissario straordinario dell’Autorità portuale del Levante Francesco Mariani e il presidente dell’Autorità portuale di Durazzo Gazmend Shalsi hanno firmato, questo pomeriggio, un  protocollo d’intesa tra i porti di Bari e Durazzo. L’accordo è il risultato di un intenso lavoro con i rappresentanti delle istituzioni albanesi e italiane e rappresenta un importante passo in avanti nel percorso di crescita e sviluppo della modalità primaria per il collegamento tra l’Italia e l’Albania.

Il porto di Bari costituisce oggi il principale gateway per il collegamento con l’Albania, di cui il Porto di Durazzo rappresenta il nodo logistico primario, catturando quasi l’80% del traffico verso l’Italia, viceversa circa l’89% del traffico passeggeri ferries che attraversa il Porto di Durazzo passa dal Porto di Bari.

L’arrivo a Bari, nel mese di luglio, di GNV, che si aggiunge a tre servizi di linea giornalieri, corrisponde esattamente a una esigenza di potenziamento e miglioramento dell’ offerta traghetti, in uno scalo che presenta una forte capacità di espansione:  il traffico passeggeri  nel periodo gennaio – agosto ha perfezionato un buon trend di crescita, 514mila unità, con un segno positivo del 5,5%, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Nel solo mese di agosto, mese di maggiore concentrazione del traffico passeggeri da e verso il Paese delle Aquile, sono state superate le 220mila unità, con una crescita percentuale del 14%. Analogo incremento nel numero delle auto:  con un aumento in termini assoluti di circa 50mila unità e una crescita del 17%.

Il commissario straordinario Francesco Mariani ha illustrato gli obiettivi del protocollo di intesa, che punta a promuovere una collaborazione strategica tra le due sponde dell’Adriatico, con lo scopo di conseguire la loro interazione in una logica di sistema integrato di tipo extra territoriale. “L’accordo siglato oggi – ha detto Mariani prevede una stretta collaborazione sia tecnica che istituzionale tra lo scalo di Bari e quello di Durazzo e spalanca una prospettiva di sviluppo che può diventare fondamentale per i rispettivi territori, con il fine ultimo di costruire una piattaforma condivisa ispirata ai principi di efficienza, competitività e innovazione”.

Nella pratica l’accordo migliorerà i collegamenti tra il Porto di Durazzo e quello di Bari, puntando soprattutto sull’integrazione dei sistemi informativi per la semplificazione e velocizzazione dei controlli di frontiera, e avrà quindi ricadute positive immediate sull’operatività dei collegamenti fra le due sponde.

“I due porti frontalieri – si legge nel protocollo – si impegnano a sviluppare congiuntamente attività operative, di ricerca e di formazione nei settori di comune interesse per il supporto e lo sviluppo del traffico merci e passeggeri tra i Porti di Bari e Durazzo nello specifico, ma non esclusivo, settore d’azione della creazione di sistemi ITS a supporto del traffico marittimo e del sistema logistico di rispettiva appartenenza”.

Di certo i progetti europei interregionali in uscita entro il 2015 saranno un banco di prova di  quest’accordo che, più nello specifico,  ne stabilisce anche le relative modalità operative e gestionali. “Le attività oggetto dell’accordo – è scritto nel protocollo – riceveranno una copertura finanziaria nell’ambito di finanziamenti nazionali e dell’U.E. che le parti potranno individuare o mettere a disposizione sia congiuntamente che autonomamente”.

Ed inoltre: “le risorse economiche necessarie per l’attuazione degli interventi in questione  potranno essere costituiti o da fondi all’uopo messi a disposizioni di ciascuna parte nell’ambito delle proprie competenze istituzionali o da fondi reperiti con la partecipazione a progetti finanziati da Istituzioni terze, nazionali e/o europee, mediante la partecipazione a progetti all’uopo sviluppati”. Il Protocollo d’intesa avrà efficacia triennale e potrà essere rinnovato con l’accordo delle parti.

Alla sigla del protocollo d’intesa hanno preso parte, tra  gli altri, il direttore dell’Autorità marittima albanese Paulin NDREU, in rappresentanza del Ministero dei trasporti e il A.I. (CP) Domenico DE MICHELE, Comandante del Porto di Bari.

Short URL: https://www.ilnautilus.it/?p=32409

Scritto da su Set 15 2015. Archiviato come Authority, News, Sud. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab