Home » Ambiente, Diporto, Europa, Legislazione, News, Trasporti » ECSA: gli armatori europei, al fine di decarbonizzare la navigazione, chiedono all’Ue risorse economiche ma anche standard per i fornitori di carburante

ECSA: gli armatori europei, al fine di decarbonizzare la navigazione, chiedono all’Ue risorse economiche ma anche standard per i fornitori di carburante

La Commissione europea dovrebbe rivolgersi ai fornitori di carburante introducendo sotto-obiettivi per rendere disponibili per la navigazione carburanti a basse e zero emissioni di carbonio e aumentando il moltiplicatore per i combustibili rinnovabili utilizzati nel settore marittimo ai sensi della direttiva sulle energie rinnovabili (Renewable Energy Directive -RED). Uno standard di carburante come requisito per le navi anziché per i fornitori di carburante ai sensi della proposta FuelEU Maritime rischierebbe di non riuscire a fornire riduzioni delle emissioni e sarebbe difficile da applicare. Se viene introdotta una misura basata sul mercato (Market Based Measure – MBM), un fondo potrebbe investire i ricavi per sostenere l’adozione di questi combustibili.

Un approccio globale deve essere la pietra angolare delle politiche dell’UE e qualsiasi misura regionale rischierebbe di minare i negoziati internazionali a livello dell’IMO. Poiché l’industria navale è pienamente impegnata nella decarbonizzazione, il successo dipende principalmente dall’introduzione di carburanti alternativi a zero o basse emissioni, sicuri e ampiamente disponibili, che non esistono ancora. L’ECSA sostiene un duplice approccio se devono essere introdotte misure dell’UE:

Istituire un fondo nell’ambito di un MBM (Market Based Measure) e utilizzare i ricavi per finanziare progetti di ricerca e sviluppo e per colmare il divario di prezzo tra combustibili nuovi e convenzionali; Allo stesso tempo, incentivare e richiedere ai fornitori di combustibili di includere una certa percentuale di combustibili a basse e zero emissioni di carbonio nella loro offerta introducendo sotto-obiettivi e un moltiplicatore più alto per i combustibili a basse e zero emissioni di carbonio in linea con la RED.

“Introdurre i giusti incentivi e requisiti per i fornitori di carburanti al fine di rendere disponibili sul mercato combustibili a basse e zero emissioni di carbonio per la navigazione è un prerequisito per la decarbonizzazione del settore . Come per la diffusione di tutti i nuovi combustibili, il dilemma della gallina e dell’uovo può essere affrontato solo introducendo requisiti adeguati per i fornitori di carburante. Un fondo nell’ambito di un MBM potrebbe sostenere la diffusione di questi combustibili ” , ha affermato Martin Dorsman, Segretario generale dell’ECSA.

Un fondo nell’ambito di un MBM dell’UE ridurrebbe inoltre al minimo l’onere amministrativo per il settore e garantirebbe che tutte le entrate siano investite nella sua transizione energetica.

Martin Dorsman ha aggiunto: “Uno standard di carburante dovrebbe essere orientato verso i fornitori di carburante e non verso le navi, che sono semplicemente gli utenti di carburante. Ciò è particolarmente rilevante e dovrebbe essere preso in considerazione dalla Commissione europea nell’ambito della prossima proposta FuelEU Maritime. Siamo piuttosto preoccupati del fatto che se FuelEU Maritime presentasse uno standard per il carburante come requisito per le navi, tale misura perturberebbe seriamente il mercato del bunkeraggio e sarebbe difficile da applicare e, ancora più importante, non incentiverebbe i miglioramenti dell’efficienza energetica, siano essi tecnici (assistenza alla propulsione del vento, sistema di recupero del calore, ottimizzazione dello scafo e dell’elica, ecc.) o operativi (ottimizzazione della rotta, vapore lento ecc.) “.

L’ECSA ha sottoposto la posizione del settore marittimo europeo alla consultazione pubblica della Commissione europea sulla revisione dell’EU ETS e della Direttiva sulle energie rinnovabili.

Short URL: https://www.ilnautilus.it/?p=81793

Scritto da su Feb 15 2021. Archiviato come Ambiente, Diporto, Europa, Legislazione, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab