martedì, Luglio 27, 2021
HomeNauticaCantieriFincantieri: proteste a Sestri ma Bono rassicura

Fincantieri: proteste a Sestri ma Bono rassicura

Gli operai dello stabilimento di Sestri Ponente della Fincantieri hanno manifestato questa mattina davanti ai cancelli del cantiere, per protestare contro il taglio di venti milioni al finanziamento da 70 previsto in origine per avviare i lavori per l’impianto di ribaltamento a mare.

I finanziamenti dopo il taglio non sono sufficienti per l’opera e dunque la riduzione potrebbe essere causa del fallimento dell’Accordo di programma che sembrava in procinto di essere firmato.

“Abbiamo lavorato con gli enti locali per una bozza di accordo e quando l’abbiamo mandata a Roma ci hanno risposto che i soldi a disposizione erano diminuiti – spiega Bruno Manganaro, responsabile genovese di Fiom-Cgil – ma ci preoccupa anche il fatto che viene messo in discussione tutto il nostro schema dunque anche la parte che riguarda la missione produttiva di Sestri Ponente”.

“Abbiamo difficoltà commerciali legate alla situazione del mercato – si è invece giustificato l’amministratore delegato di Fincantieri Giuseppe Bono – ma la cantieristica italiana non è assolutamente in discussione: lo è solo la capacità di poter soddisfare tutti i cantieri che abbiamo. Ma il nostro obiettivo e dovere principale è quello di non lasciare nessuno per strada”.

Poi Bono, inaugurando Costa Favolosa, ha anche ricordato che le navi realizzate in questi otto anni per Costa sono state fatte proprio a Sestri e in parte a Venezia.

Salvatore Carruezzo

RELATED ARTICLES

Most Popular