lunedì, Novembre 29, 2021

L'email "salvatore.carruezzo@email.it" è offline, si prega di usare gli indirizzi: "salvatore.carruezzo@gmail.com e "direttore@ilnautilus.it"

HomeNauticaCantieriCANTIERE NAVALE VITTORIA, VARATO P.04 “OSUM” IL PRIMO PATTUGLIATORE D’ALTURA “GREEN” DESTINATO...

CANTIERE NAVALE VITTORIA, VARATO P.04 “OSUM” IL PRIMO PATTUGLIATORE D’ALTURA “GREEN” DESTINATO ALLA GUARDIA DI FINANZA

La cerimonia è avvenuta alla presenza del Comandante Generale Zafarana.

L’AD Luigi Duò: “Dopo le forniture della Classe Monti, orgogliosi di aver realizzato la prima unità OPV ibrida per le fiamme gialle. Grazie all’innovazione tecnologica, al termine della costruzione l’imbarcazione si fregerà della più alta classe prevista dal RINA”.

Adria (Ro)-E’ stato battezzato oggi in Canal Bianco col nome di P.04 “Osum” il primo pattugliatore d’altura green destinato alla Guardia di Finanza italiana. Si è tenuta, questa mattina, nello stabilimento del Cantiere Navale Vittoria, alla presenza dell’Amministratore Delegato dell’azienda polesana, Luigi Duò, e del Comandante Generale della Guardia di Finanza, Generale del Corpo di Armata, Giuseppe Zafarana, la cerimonia di varo dell’imbarcazione da 60 metri a propulsione diesel o diesel–elettrica progettata e realizzata dal Cantiere Navale Vittoria per lo svolgimento delle funzioni di polizia economico- finanziaria in mare.

All’evento hanno partecipato, oltre al Comandante Generale Zafarana, l’Assessore al Territorio, Cultura, Sicurezza, Flussi migratori, Caccia e Pesca della Regione del Veneto, Cristiano Corazzari, il Direttore Esecutivo dell’Agenzia Europea della Guardia di Frontiera e Costiera, Fabriece Joel Robert Leggeri, il Prefetto in Rovigo, Clemente Di Nuzzo, il Sindaco del Comune di Adria, Omar Barbierato, Sindaco di Adria, il Vescovo della Diocesi di Adria, Pierantonio Pavanello, il Questore di Rovigo, Raffaele Cavallo. A benedire l’imbarcazione il Vescovo della Diocesi di Adria, Pierantonio Pavanello.

L’azienda veneta specializzata nella progettazione e realizzazione di imbarcazioni militari, paramilitari, da lavoro, commerciali e da trasporto fino a 100 metri di lunghezza, si era aggiudicata l’ordine per la costruzione dell’unità di tipo Offshore Patrol Vessel, dal valore complessivo di 32 milioni e 400 mila euro, dal Comando Generale della Guardia di Finanza nel 2020. La consegna dell’unità è prevista per il 2022.

Dopo aver ringraziato gli ospiti per la partecipazione e il personale per il lavoro svolto, l’Amministratore Delegato Luigi Duò ha affermato: “L’unità varata oggi è solo l’ultimo progetto che testimonia e suggella la lunga e proficua collaborazione con la Guardia di Finanza oggi rappresentata dal suo massimo vertice, il Comandante Generale, Generale del Corpo d’Armata, Giuseppe Zafarana. Dopo le storiche forniture della Classe Monti, con orgoglio, ci prepariamo a dotare la flotta delle fiamme gialle del primo pattugliatore d’altura a propulsione diesel –elettrica della storia. P.04 Osum rappresenta un concentrato d’innovazione e tecnologia che assicurerà al corpo della Guardia di Finanza una notevole riduzione di consumi e di emissioni e la massima flessibilità di impiego operativo. Per la nostra azienda è una nuova sfida vinta in grado di proiettarci verso rotte sempre più green.”

P.04 OSUM

Realizzato in collaborazione con Damen Shipyards Group, il nuovo OPV di Casa Vittoria è lungo oltre 60 metri, largo 9,5 metri, ha un pescaggio di 3,5 metri ed è in grado di raggiungere una velocità massima superiore a 26 nodi. Possiede la prua ad ascia o Axe Bow in grado di garantire un’ottima tenuta al mare anche in condizioni meteo-marine difficili, senza dover limitare la velocità. L’unità si caratterizza per l’introduzione di una propulsione diesel-elettrica alle andature di pattugliamento fino a 9 nodi che le consente di essere un mezzo a basse emissioni e a ridotto impatto ambientale. Ai due motori diesel principali di propulsione sono affiancati motori elettrici reversibili da 270 kw ciascuno che possono fungere da motori di propulsione in pattugliamento o fornire energia elettrica alle altre andature. A bordo l’imbarcazione può ospitare fino a 30 persone di equipaggio a cui si potranno aggiungere ulteriori 8 per il personale Frontex. Al termine della costruzione, l’unità otterrà la più alta classe prevista dal Registro Navale Italiano e le notazioni Efficient Ship Eedi (Energy Efficiency Design Index – Indice di efficienza energetica nella progettazione), notazione addizionale di classe dedicata all’efficienza energetica delle navi, Green Plus e Green Passport Plus legata all’impatto ambientale, tutte rilasciate dal RINA.

RELATED ARTICLES

Most Popular