Megayacht russo sequestrato dagli USA in territorio Fiji

Suva, Isola di Viti Levu. Un Tribunale delle Figi ha concesso al Governo degli Stati Uniti il ​​permesso di sequestrare il megayacht Amadea, ritenuto di proprietà di un oligarca russo sanzionato.
L’Amadea è uno yacht a motore di 107 metri, costruito in Germania nel 2016. La sua propulsione è assicurata da due motori da 5.800 HP, che consente una velocità massima di 20 nodi e un’autonomia fino a 8.000 miglia nautiche. Ha otto suite per un massimo di 16 ospiti e un equipaggio di 25 persone, e ha un valore di circa $ 350 milioni.

Le Autorità americane ritengono che il titolare effettivo dell’Amadea sia Suleiman Kerimov, un miliardario legato al presidente russo Vladimir Putin.
La ricchezza di Kerimov deriva da partecipazioni a quote di proprietà nella Società statale di export di petrolio Nafta Moskva, nella Compagnia statale di gas Gazprom, nella principale Società mineraria d’oro russo Polyus e nella principale Banca statale Sberbank; il suo patrimonio è valutato intorno agli 11-14 miliardi di dollari.

Il Tesoro degli Stati Uniti lo ha inserito nella sua lista delle sanzioni, la Specially Designated Nationals (SDN), nel 2018 e da allora è stato inserito nella black list; dopo l’invasione dell’Ucraina, anche il Regno Unito, l’UE e il Canada l’hanno aggiunto ai loro elenchi di sanzioni.
L’invasione russa ha notevolmente accelerato le risorse e la forza di volontà disponibili per l’applicazione delle sanzioni contro obiettivi russi. Quando l’Amadea è entrato nelle acque territoriali delle Fiji a metà aprile, gli Stati Uniti hanno rapidamente presentato una richiesta per il suo sequestro ai Tribunali delle Fiji.

Funzionari statunitensi ritengono che lo yacht sia in definitiva di proprietà di Kerimov, ma gli avvocati della holding della nave, la Millemarin Investments, hanno affermato invece che è di proprietà dell’ex dirigente di Rosneft Eduard Khudainatov, non attualmente sanzionato.
L’Alta Corte delle Fiji alla fine si è pronunciata a favore della richiesta americana e ha consentito il sequestro della nave, anche se poi ha lasciato spazio ai legali dello yacht per presentare una sospensione provvisoria della sentenza.

Secondo informazioni di stampa delle Fiji, una squadra di agenti dell’FBI è arrivata alle Fiji e aiuterà i funzionari locali a indagare ulteriormente sulla nave.

Abele Carruezzo