lunedì, Settembre 20, 2021
HomeNewsCircolo della vela di Brindisi: raduno regionale Optimist

Circolo della vela di Brindisi: raduno regionale Optimist

Il mare d’inverno non è un ostacolo per lo sport della vela, neppure per i più piccoli. E’ in corso da stamani, sabato 3 dicembre, per proseguire domani domenica 4 dicembre, il IV Raduno Optimist 2001 della VIII Zona Fiv Puglia, con gruppi di allievi di età comprese tra i 9 e 12 anni arrivati da tutti i centri costieri della regione dove operano scuole della Federazione italiana vela. Con loro i migliori istruttori pugliesi specializzati nella vela giovanile.

Raduno al Marina di Bocche di Puglia, dove ha sede il Circolo della Vela Brindisi che ospita la manifestazione e offre supporto logistico, e prima uscita in mare collettiva oggi pomeriggio sino alle 15,30. Poi smontaggio delle barche (il “singolo” Optimist, la classica deriva base per la formazione dei giovanissimi velisti), una spaghettata collettiva al ristorante del marina, poi tutti a lezione teorica accanto alla sede del circolo.

Il raduno avrà un momento importante domani mattina, quando il campo di allenamento sarà spostato dallo Stadio del Vento nel porto medio, al porto interno davanti alla banchina centrale di Lungomare Regina Margherita (grazie alla disponibilità ed alla sensibilità dimostrate del comandante della Capitaneria, il capitano di vascello Giuseppe Minotauro), dove gli oltre 50 Optimist daranno spettacolo e chissà se convinceranno qualche genitore a mandare i propri figli a scuola di vela (corsi sempre aperti, basta informarsi presso il Circolo della Vela Brindisi).

Il raduno; il più affollato tra i quattro svoltisi quest’anno, rientra nel programma under 16 della Federazione italiana vela (Fiv), applicato con grande impegno nella VIII Zona Puglia, di cui è presidente Raffaele Ricci, oggi presente a Brindisi per seguire l’addestramento dei ragazzi.

I raduni hanno scopi molteplici: abituare i ragazzi a lavorare con i coetanei di altre città ed esperienze, sotto la guida non solo del proprio istruttore ma anche degli altri, crescere nel rapporto di lealtà e reciproco supporto che deve caratterizzare chi va per mare, apprendere insieme tecniche e strategie, stringere amicizia.

RELATED ARTICLES

Most Popular