venerdì, Settembre 17, 2021
HomeNewsItaliaFerrarese: "Il porto di Brindisi continua a subire mortificazioni"

Ferrarese: “Il porto di Brindisi continua a subire mortificazioni”

“Il porto di Brindisi continua a perdere credibilità, appetibilità e competitività”. E’ quanto afferma il presidente della Provincia Massimo Ferrarese in riferimento alla notizia relativa  alla perdita della motonave “Red Star” che collegava Brindisi con Valona e che adesso, invece, collegherà il porto albanese con quello di Otranto.

“Ma non è tutto” – prosegue Ferrarese. “A giorni pare che anche la “Ionian Spirit” andrà via. E’ evidente che, stante così le cose, non c’è più tempo da perdere. Ed è per questo che chiedo la convocazione urgentissima di un comitato portuale monotematico per programmare il futuro del porto di Brindisi.

Dopo 20 anni durante i quali lo scalo brindisino è sempre calato sotto l’aspetto industriale, commerciale e turistico, abbiamo il dovere di rilanciarlo. Costi quel che costi. Altrimenti, saremo costretti a pensare all’azzeramento dei vertici dell’Autorità Portuale. Non abbiamo bisogno solo del management, ma anche di quei finanziamenti promessi a suo tempo proprio dal Governo nazionale per il rilancio del porto di Brindisi.

Il riferimento è alla firma, da parte del ministro ai Trasporti Matteoli, di un protocollo d’intesa – con l’allora sindaco Mennitti ed il presidente dell’Autorità Portuale – che prevedeva lo stanziamento di un miliardo di euro per il nostro porto, ma del quale non si è visto neppure un centesimo.

E’ dovere di tutti, invece, rilanciare questa infrastruttura con i finanziamenti e concentrarci nell’opera di attrazione di compagnie. Con l’aeroporto lo abbiamo fatto e ci siamo riusciti. In questo caso, è evidente che non può occuparsene solo l’A. Portuale.

Così, ce ne occuperemo anche noi. Si parla del futuro dell’intero territorio brindisino. Siamo stanchi di veder mortificato ed umiliato quello che da più parti viene considerato il porto più strategico dell’intera Italia meridionale”.

Foto: Simone Rella

RELATED ARTICLES

Most Popular