giovedì, Agosto 5, 2021
HomeNewsInternazionaleIl futuro è delle navi smart

Il futuro è delle navi smart

Tutti convengono (progettisti, ingegneri ed armatori) che per far fronte agli aumenti continui e non controllati del  prezzo dei carburanti ed alle numerose leggi e normative ambientali a carattere internazionale, occorre pensare a navi “smart”.

Se ne parla ormai in tutti i convegni di settore. L’ultimo è stato il meeting annuale dell’Istituto di Classificazione Navale Germanischer Lloyd, organizzato dal Comitato Tecnico Ellenico, svoltosi ad Atene la settimana scorsa. Il focus importante dell’incontro è stato come identificare e cogliere le opportunità nel campo delle costruzioni navali in un contesto economico di crisi generalizzata.

Il settore dei trasporti marittimi sta attraversando ancora un periodo difficile a causa della lenta ripresa economica mondiale e dall’eccesso di stiva che la flotta mondiale sta offrendo sui mercati. La crescita forte del commercio marittimo nel campo dei contenitori non era sbagliata nelle previsioni, ma si è rivelata distribuita irregolarmente sulle rotte principali dall’Asia verso l’Europa e gli Stati Uniti, sostituite da altre rotte commerciali.

Questo ha comportato anche una revisione dell’order book di navi segnando dei punti negativi; ma soprattutto ha comportato una nuova visione di tipologie di navi che rispondessero a quel risparmio energetico e di salvaguardia dell’ambiente.

Guardando al futuro, nuovi modelli di navi ad alta efficienza energetica sono richiesti; come pure armatori sono disposti a rinunziare a navi di grosse capacità a fronte di un ribasso dei prezzi per le nuove costruzioni. Tutto questo sta avvenendo già, nello shipping asiatico con conseguente aggiornamento da parte degli Istituti di Classificazione Navale.

Abele Carruezzo

RELATED ARTICLES

Most Popular