lunedì, Settembre 20, 2021
HomeNewsIL KITE AL POSTO DEL WINDSURF ALLE OLIMPIADI DI RIO DE JANEIRO...

IL KITE AL POSTO DEL WINDSURF ALLE OLIMPIADI DI RIO DE JANEIRO 2016

Annunciata al Mid-Year Meeting ISAF, a Stresa, solo pochi giorni fa l’epocale decisione di  sostituire in occasione delle Olimpiadi di Rio De Janeiro 2016, il Windsurf con il KIteboard. Questa decisione ha colto tutti molto di sorpresa: il Kite solo pochi mesi fa (Gennaio) era entrato in FIV affrontando un altro grande cambiamento e anche se si preparava alle olimpiadi, di certo non credeva che la contro partita potesse essere questa; il Windsurf dal canto suo ha da sempre portato onore e gloria all’Italia nel corso delle passate competizioni e non merita certo, come sport riconosciuto e grandemente praticato in Italia e nel mondo, “l’estradizione” dalla competizione olimpica. Dall’84 ad oggi, quella del 2016 sarà la prima edizione senza il Windsurf olimpico.

Miki Galifi Cerquetti, presidente della Classe Kiteboarding, ha dichiarato in proposito “La decisione è ormai stata presa ed è quindi nostro dovere, al di là di tutto andare avanti e proseguire in questo cammino” e poi precisa “il Kiteboard è uno sport molto giovane, ma diffusissimo, gli atleti italiani sono davvero di grande livello e le caratteristiche tecniche, in termini di velocità lo pongono secondo solo alla Coppa America.

Le regate di Kiteboard, sono spettacolari e ad alto tasso di adrenalina, infatti proprio il week-end appena trascorso, ha regalato grandi  emozioni, nel corso della tappa austriaca del circuito europeo di Kite, con la doppietta: Esposito (Campana) e Brunacci (Toscana) nelle categorie freestyle e regata femminile, mentre la categoria maschile ha visto un ottimo posizionamento  del romano Santostefano, confidiamo quindi in un buon successo della classe e della disciplina alle prossime olimpiadi, sperando che in futuro il windsurf possa tornare a competere con il kite in contesti come quello olimpico”

Grande è quindi ora l’attesa per il titolo Italiano di Kite Freestyle (Artistico), che vedrà il suo svolgimento in tre tappe, di rilevanza storica per gli appassionati del mare:

1° tappa Campione del Garda (Freestyle Champion Cup || 15-17 Giugno)

2° tappa Talamone (Freestyle Champion Cup || 20-22 Luglio)

3° tappa Frassanito (WaveTrotter Competition – Freestyle Champion Cup || 14-16 Settembre)

Quest’ultima tappa, vedrà la premiazione dei nostri migliori atleti e sarà inserita all’interno della WaveTrotter Competition 2012, appuntamento immancabile che si apre il 9 Settembre con un’altra competizione riguardante il neonato e trendissimo SUP. Questa collaborazione consentirà, grazie a convenzioni ad hoc e il supporto organizzativo dell’Ass. WaveTrotter e dell’agenzia iMedia, convenzioni e facilitazioni per atleti e non, che volessero prender parte a questo grande momento di sport (www.wavetrotter.it).

RELATED ARTICLES

Most Popular