venerdì, Settembre 17, 2021
HomeNewsEuropaMarco Polo can help you!

Marco Polo can help you!

Il 21 settembre prossimo scadrà il termine per la presentazione di progetti che aderiranno al  programma europeo “Marco Polo”; la Commissione europea lo aveva comunicato il 20 giugno scorso, a Bruxelles in occasione dell’Info Day 2012, in vista della pubblicazione del bando 2012 (fine giugno). Il programma Marco Polo è uno strumento per cofinanziare direttamente progetti per trasferimento modale delle merci (dalla strada al mare), per una fattiva riduzione del traffico stradale, favorendo le c.d. “Motorway of seas-autostrade del mare”, oltre a particolari progetti che forniscono servizi logistici di supporto che consentono alle merci di passare dalla strada ad altri modi di trasporto efficiente e redditizio.

La notizia è di ieri che circa 36 nuovi progetti saranno finanziati con un bilancio di 64,6 milioni di euro; avranno una corsia preferenziale i progetti che realizzeranno pratiche innovative con tecniche che riducano significativamente le emissioni inquinanti del trasporto marittimo. Un helpdesk sul sito web dedicato è disponibile per fornire supporto ai potenziali candidati privati e pubblici; il crono programma prevede l’avvio dei progetti per marzo/aprile 2013.

Nello scorso bando europeo, l’Italia è stata impegnata in questo vasto programma con il progetto “West Med Bridge”: progetto, che ha interessato (da aprile 2008 ad aprile 2011) l’autostrada del mare che collega Civitavecchia-Barcellona-Civitavecchia; capofila del progetto, ancora in corso (collegamenti giornalieri), è la società “Atlantica S.p.A. di Navigazione” (Napoli), insieme al partner Grimaldi Logistica Espana. Secondo le stime del Gruppo Grimaldi, nei tre anni del progetto lo spostamento di tonnellate di merci dalla strada al mare ha generato benefici ambientali “per oltre 25 milioni di euro”.

Paul Kyprianou, manager delle relazioni esterne del gruppo Grimaldi, ha dichiarato, ieri, che aver aderito al programma “Marco Polo” è stato importante per il Gruppo stesso per  “qualità del business” e per la condivisione degli obiettivi europei, oltre per l’avvio dell’acquisto di nuove navi.

 

Abele Carruezzo

RELATED ARTICLES

Most Popular