venerdì, Luglio 30, 2021
HomeNewsEuropaEMSA: pubblica la lista sull’affidabilità di navi

EMSA: pubblica la lista sull’affidabilità di navi

In materia di Port State Control, l’EMSA (European Maritime Safety Agency) ha pubblicato una lista delle “bandiere” di Stato sulle qualità ed affidabilità di navi, valutando le relazioni ispettive e relativi verbali di detenzioni registrati durante l’attività di controllo nell’arco degli ultimi tre anni. I gradi dell’affidabilità delle bandiere di Stato, si fa per dire, corrispondono al colore della lista: bianco, grigio, nero; questo ha permesso agli organismi di controllo di valutare più facilmente i rischi di sicurezza legati ad una nave.

Dal rapporto dell’EMSA, si evince che su ottanta “bandiere” complessive ed ufficiali, che solcano i mari, 43 sono state giudicate “virtuose” (white list), 20 a medio rischio (grey list) e 17 ad alto rischio (black list). La Germania guida la classifica delle nazioni con un numero minore di detenzioni; segue la Svezia e la Danimarca, mentre l’Italia è nona; chiude la classifica l’Iran. E’ da sottolineare che la Repubblica islamica, con Vanatu e Lituania, è passata nella “grey list”. Questa lista grigia, negli ultimi anni comprendeva 24 bandiere; oggi ne conta solo 20, includendo Saint Vincent e Grenadines che vengono dalla “black list” con  Kazakistan e India provenienti dalla “white list”.

La lista delle “bandiere” cosiddette “cattive” viene guidata dalla Libia, Bolivia e Togo (very high risk), seguite da Sierra Leone, Tanzania e Albania (high risk), salutate dalla new entry della Repubblica Domenicana. Meraviglia la posizione degli Stati Uniti al 45.mo posto nella lista grigia, con tutte le loro sensibilità alla salvaguardia della vita umana in mare e dell’ambiente marino; mentre si fa strada, con una nuova dimensione culturale in tema di safety da parte della Cina che occupa il 25.mo posto nella stessa lista. Pubblicate anche le liste relative agli Istituti tecnici di classificazione (Registri navali) di navi.

Le migliori performance registrate riguardano American Bureau of Shipping (ABS), Det Norske Veritas (DNV) e China Classification Society (CCS), con il Registro Italiano Navale (RINa) in sesta posizione. I peggiori: Phoenix Register of Shipping (PHRS), Register of shipping Albania (RSA) e International Register of Shipping USA (IRS).

 

Abele Carruezzo

RELATED ARTICLES

Most Popular