venerdì, Settembre 24, 2021
HomeNewsLa prima edizione della Route du Princes

La prima edizione della Route du Princes

Oggi alle 14.00 i quattro trimarani MOD 70 Oman Air – Musandam (skipper Sydney Gavignet), Spindrift Racing (Yann Guichard), Edmond de Rothschild (Sébastien Josse) e Virbac – Paprec 70 (Jean-Pierre Dick) si sono schierati sulla linea di partenza della Route du Princes insieme agli altri quattro multiscafi di 50 piedi e un maxi yacht di 80 piedi, offrendo un grande spettacolo al pubblico che assisteva all’evento dalla spiaggia della Malvarossa.

La prima edizione della Route du Princes, infatti, è partita oggi da Valencia in Spagna con un vento da NW tra i 18 e i 20 nodi. La Route du Princes farà tappa a Lisbona in Portogallo (13 – 16 giugno) a seguire in Irlanda (20 – 24 giugno) poi in Inghilterra (26 – 29 giugno) per concludersi il 30 giugno prossimo nella Bay of Morlaix in Francia.

“Dovremmo trovare vento sostenuto molto presto per cui ci dovremmo divertire e non vediamo l’ora – ha dichiarato l’irlandese Damian Foxall, mentre insieme all’equipaggio di Oman Air – Musandam lasciava gli ormeggi alla Marina Real Juan Carlos per affrontare le 800 miglia di regata fino a Lisbona in Portogallo.
“I duri mesi di allenamento hanno sicuramente consolidato le capacità di navigazione offshore del team, ma su imbarcazioni potenti come i MOD70 il successo arriva eseguendo manovre fluide e minimizzando gli errori” afferma Neal McDonald che condividerà il timone di Oman Air – Musandam con lo skipper Sidney Gavignet.
“La Route di Princes è una sfida difficile” continua McDonald, “queste tappe sono brevi ma impegnative. L’unica tratta che definirei d’altura è quella da Lisbona al Fastnet. Il resto è tutta navigazione costiera, quindi incontreremo promontori e insenature che renderanno la regata particolarmente complessa e non potremo dormire! Sarà difficile prendere il giusto ritmo, saranno necessari molti cambi di vele, ma questo potrà rivelarsi positivo e offrire le occasioni giuste per guadagnare sugli altri”.

A bordo di Oman-Air – Musandam anche l’omanita Fahad al Hasni che dopo quattro anni di preparazione è impaziente di partecipare ad una regata offshore: “Siamo diventati un team moto preparato e siamo sicuri di riuscire a fare un buon risultato nell’ambito della flotta del MOD 70. Non vedo l’ora di fare un turno al timone, anche se il mio ruolo sarà quello di regolatore delle vele.”

RELATED ARTICLES

Most Popular