lunedì, Settembre 20, 2021
HomeNews“EUZ II VILLA SCHINOSA” ANCORA UNA VOLTA CAMPIONI ITALIANI

“EUZ II VILLA SCHINOSA” ANCORA UNA VOLTA CAMPIONI ITALIANI

Al termine di otto prove molto combattute e quattro giorni di confronto serrato con gli avversari diretti di “Five for Fighting 3”, i pluricampioni di “Euz II Villa Schinosa” di Francesco Lanera con al timone Sandro Montefusco e alla tattica il fratello Paolo, alla fine l’hanno spuntata, riuscendo a riportare a casa il titolo tricolore e a riconfermarsi, per il secondo anno consecutivo, Campioni Italiani.

“Siamo contenti. E’ andato tutto come previsto” commenta a caldo Francesco Lanera. “A conti fatti anche l’OCS nella prima prova del secondo giorno, rispetto al quale si è ottenuta riparazione, non sarebbe stato determinante, considerando il punteggio finale . C’è stato qualche brivido in più, rispetto al solito, ma a bordo è sempre regnata la serenità e la convinzione di farcela”. Archiviato il Campionato Italiano, l’imbarcazione pugliese è già proiettata verso l’appuntamento con il Campionato del Mondo a Portosì, in Spagna (dal 22 al 28 settembre) dove dovrà difendere il titolo di Campione del Mondo conquistato a Cala De’ Medici l’anno scorso e a Gmunden, in Austria, nel 2011.

A “Five for Fighting 3” di Tommaso De Bellis, rimane la soddisfazione di aver dato filo da torcere fino alla fine ai campioni in carica, riuscendo per due giorni di fila a difendere la testa della classifica senza cedimenti. “Anche nella prova di oggi, siamo riusciti a tenere la prua davanti fino alla fine della seconda bolina, poi in boa Euz ci ha superato. Siamo soddisfatti perché era davvero da moltissimo tempo che nessuna imbarcazione riusciva a scalfire il primato incontrastato di Euz”.

Sul terzo gradino del podio, ci sono i marsalesi di “Poquito Jr” di Giuseppe Alagna, che dopo una stagione a dir poco brillante, coronano il loro successo con un risultato che conferma il talento e la bravura di un equipaggio di recente formazione. “Siamo molto soddisfatti perché questo era proprio il risultato che speravamo di raggiungere. Il livello della classe è molto alto e sapevamo che non sarebbe stato facile. Ma alla fine ci abbiamo creduto ed è stato un crescendo, fino al terzo di oggi, che ha confermato i rapporti di forza in campo”.

Il quarto posto è per “Ghibly” di Ignazio Bonanno, l’imbarcazione che corre sotto le insegne della Marina Militare Italiana. “Speravamo nel podio e ci siamo battuti contro Poquito Jr fino alla fine per arrivarci. Per soli 4 punti non ci siamo riusciti, ma alla fine abbiamo dovuto arrenderci di fronte alla bravura degli avversari. D’altronde erano almeno sei anni che non regatavamo su un Platu 25”. Quest’anno “Ghibly” ha preso parte a tutte le tre tappe di Coppa Italia in programma in Sicilia e il Campionato Italiano è stato il coronamento di questo gradito ritorno. L’imbarcazione catanese “Jhaplin 007 – Wolverine” di Cesare Dell’Aria conclude al quinto posto dopo un salto in avanti di due posizioni e il superamento dell’equipaggio romano “Di Nuovo Simpatia” di Ferdinando Dandini Sylva, con Jok Galanti al timone e Federico Savoia alle scotte, che conclude sesto, e della barca palermitana “Brera Hotels” di Alberto Wolleb e G. Vitrano, settima in classifica.

Il Campionato Italiano dei Platu 25 conclude anche la Coppa Italia, il circuito nazionale che si è disputato interamente in Sicilia, con tappe a Marsala, Favinana e San Vito Lo Capo. Organizzato dal Comitato Sicilia Sailing Week, il Campionato Italiano Platu 25 che si è disputato nelle acque antistanti San Vito Lo Capo dal 2 al 6 luglio, ha visto la partecipazione di 23 imbarcazioni provenienti da ogni parte della Penisola e, grazie alla formula Open, anche di due barche russe “Navis Vela” di Marina Kasatova e “Navis Bravo” di Valery Barbakov.
Oltre ai vincitori del Campionato Italiano Platu 25, sono stati premiati anche i migliori equipaggi che occupano le prime cinque posizioni nella ranking list 2012 dei Platu 25, ossia “Euz II Monella Vagabonda” di Francesco Lanera, “Five for Fighting 3” di Tommaso De Bellis, “Fiordiluna” di Massimo Amodel, “Mamic” di Giuseppe Mazzei e “Jerry Speed” di Livia Federici.

RELATED ARTICLES

Most Popular