Home » Italia, News » Con una nuova antenna si potrà usare il radar in fondo al mare

Con una nuova antenna si potrà usare il radar in fondo al mare

ROMA – Grazie a una speciale antenna realizzata dai ricercatori dell’Università Sapienza di Roma sarà presto possibile usare il radar anche in fondo al mare. Fino ad oggi la ricerca del relitto di un aereo o di una nave sott’acqua poteva essere affidata principalmente a strumenti che utilizzano la propagazione del suono, come il sonar, perché la diffusione delle onde magnetiche (luce, microonde e onde radio) attraverso materiali quali i fondali marini viene invece attenuata perdendo di efficacia.

Il gruppo dei ricercatori della Sapienza di cui fanno parte Fabrizio Frezza e Nicola Tedeschi, del Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione, Elettronica e Telecomunicazioni, ha proposto per la prima volta l’uso di una particolare “antenna a onda ‘leaky'”, che permette alle onde elettromagnetiche di “viaggiare” attraverso fondali marini ed altri materiali dissipativi senza perdere di potenza o addirittura amplificandosi. “L’antenna – spiega Fabrizio Frezza – funziona sfruttando le caratteristiche di queste particolari onde che presentano in certe regioni di spazio un’amplificazione del campo emesso.

Le applicazioni di questi dispositivi potrebbero riguardare non soltanto l’individuazione di oggetti sepolti o immersi, ma anche la trasmissione di informazioni in mezzi con perdite, l’analisi di materiali e la microscopia, l’interazione con tessuti biologici.

Il risultato, presentato a Roma nel corso del workshop dell’ASI “La Componentistica Nazionale per lo Spazio: stato dell’arte, sviluppi e prospettive” e all’interno del progetto europeo COST Action TU1218, si basa su studi teorici pubblicati dal team di ricerca sulle riviste Optics Letters e Physical Review. Lo studio apre nuove strade allo sviluppo tecnologico di numerose applicazioni in campi dove finora potevano essere utilizzate solo le onde acustiche.

Short URL: https://www.ilnautilus.it/?p=36991

Scritto da su Mar 28 2016. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab