Alinghi vince l’Act 6 delle Extreme Sailing Series di Madeira

MADEIRA – Il team svizzero di Alinghi passa dal disalberamento alla vittoria dell’Act 6 delle Extreme Sailing Series™ di Madeira (Portogallo). Sabato la collisione a forte velocità con Red Bull Sailing Team che ha causato la rottura dell’albero di 16.5 metri del GC32 di Alinghi. Il danno, avvenuto nel corso della terza regata del giorno, ha costretto il team al ritiro dalle quattro prove successive e sembrava avrebbe compromesso anche la giornata conclusiva.

Lo shore team è invece riuscito a riportare in acqua il team svizzero che ha poi vinto le due regate di domenica. Alinghi ha così conquistato il primo posto alla tappa di Madeira, secondi gli austriaci di Red Bull Sailing Team e terzo Oman Air.Con la vittoria di tappa Alinghi ha ridotto a tre punti il distacco con Oman Air, leader della classifica overall, quando mancano solo due eventi (Lisbona e Sydney) alla fine della stagione 2016.

Il timoniere di Alinghi, Arnaud Psarofaghis, ha dedicato la vittoria allo shore team che, in una notte, è riuscito a risolvere un danno importante che avrebbe seriamente compromesso il risultato della tappa. Anche Red Bull Sailing Team ha fatto una corsa contro il tempo per riparare lo scafo danneggiato durante la collisione e lo skipper Roman Hagara è stato molto soddisfatto di aver battuto Oman Air questa tappa. Morgan Larson, skipper di Oman Air, è invece sicuro che il team, dopo un’attenta analisi degli errori commessi, tornerà a vincere nella prossima tappa di Lisbona.

Migliaia di persone, tra locali e turisti, hanno seguito i quattro giorni di regate che si sono svolte a pochi metri dalle rive. Ora i team hanno poco tempo per recuperare le forze in vista della penultima tappa che si svolgerà a Lisbona dal 6 al 9 ottobre.