sabato, Luglio 31, 2021
HomeNewsItaliaAspetti contrattuali e fiscali del Contratto di ormeggio

Aspetti contrattuali e fiscali del Contratto di ormeggio

BRINDISI – Il contratto di ormeggio del posto barca di natura onerosa, a prestazioni corrispettive, regolamenta sia lo specchio d’acqua dotato di pontili destinati all’ormeggio di imbarcazioni da diporto sia i servizi complementari.Solitamente le parti contrattuali sono individuabili nel concessionario del porto turistico che mette a disposizione spazi e servizi e nel proprietario dell’imbarcazione.

E’ un contratto atipico che può comprendere anche il servizio di custodia dell’imbarcazione e quanto necessario ai rifornimenti del natante quali prese di energia elettrica, rete telefonica o approvvigionamenti di acqua,Può essere altresì previsto il diritto ad usare gli anelli per l’ormeggio o l‘utilizzo delle bitte.

Le spese di gestione e manutenzione degli spazi e delle attrezzature comuni sono ripartite secondo regole indicate nel contratto ovvero in maniera forfettaria.La durata del contratto di ormeggio, secondo la prassi, è di durata pluriennale è può prevedere anche il pagamento anticipato dei canoni.L’ormeggio può stabilirsi temporalmente su base annuale o stagionale ovvero giornaliera.

Dal punto di vista fiscale, ai fini dell’IVA, il corrispettivo soggiace all’aliquota ordinaria, indipendentemente che si tratti di contratto di breve durata ovvero che si tratti di contratto di durata pluriennale.In caso di contratto stipulato da un privato si applicherà, in luogo dell’Imposta sul Valore Aggiunto, l’Imposta di registro.
I corrispettivi derivanti dal contratto di ormeggio costituiscono ricavi e quindi sotto il profilo fiscale rappresentano componenti positivi di reddito che vanno contabilizzati in base al principio di competenza, se l’esercente è in regime di impresa.
Quindi nel caso di pagamento anticipato dei canoni viene richiesto dalla pratica e dai principi contabili di procedere con i risconti ovvero con lo storno di quei proventi percepiti entro la chiusura dell’esercizio ma di competenza di esercizi successivi, poiché trattasi di riscossioni anticipate i cui benefici riguardano anche i bilanci degli esercizi seguenti.

 

 

Cosimo Salvatore CORSA

RELATED ARTICLES

Most Popular