Home » Internazionale, News » CMA CGM Group e l’ANTOINE DE SAINT EXUPERY

CMA CGM Group e l’ANTOINE DE SAINT EXUPERY

BRINDISI – Batte bandiera francese la più grande nave porta container che solcherà i mari del mondo dal prossimo 6 febbraio:  la portacontainer  “ANTOINE DE SAINT EXUPERY”della classe ULCV (Ultra Large Container Vessel). Oltre al design e particolarità costruttive dello scafo presenta tutte le innovazioni tecnologiche per la salvaguardia dell’ambiente marino e dell’atmosfera. Consegnata alla CMA CGM la scorsa settimana dai cantieri navali delle Filippine, HHIC-Phil (Hanjin Heavy Industries and Construction – Philippines), l’Antoine de Saint Exupery è la prima delle tre ordinate,  da 20.600 Teu (Twenty Foot Equivalent Unit), e prenderà servizio sulla rotta del liner Asia/Europa . E’ una nave, del valore di  129,11 milioni di dollari americani, che presenta dimensioni eccezionali:  400 metri di lunghezza e 53 metri di larghezza (al baglio centrale) e con una capacità di 20.600 teu.

Facendo un po’ di conti,  la nave occupa quattro campi di calcio ed è grossa più della Empire State Building e della Torre Eiffel  e sviluppa 123 kilometri di container quando è a pieno carico.  Sul versante dei servizi ausiliari di bordo, l’innovazione tecnologica la fa da padrone: un Becker Twisted Fin che garantisce migliori prestazioni del propulsore con una riduzione significativa del 4% dell’energia impiegata e riduzione delle emissioni di CO2; un nuova generazione di motore marino che riduce i consumi di olio del 25%, del combustibile del 3% e con una forte riduzione di emissioni di CO2; un sistema di trattamento delle ballast water con filtri a raggi UV capace di avere acque più pulite, senza organismi per evitare impatti sulla biodiversità marina.

La nave francese si aggiungerà ad altri giganti del mare da 19.000-21.000 teu: OOCL Indonesia, MOL Treasure, Manchester Maersk, Marseille Maersk, tutte sui 400 metri di lunghezza e 50/58 metri di larghezza, profondità sui 30/32 m e con un pescaggio di 16 metri e oltre. Queste navi sono quelle che imporranno nuove infrastrutture, nuovi cicli di lavoro per imbarco/sbarco dei container, e fondali adeguati nella maggior parte dei porti europei.

Per  il Gruppo  francese  CMA CGM,  la scelta del nome  ha significato riconoscenza allo scrittore aviatore e poeta francese,  Antoine de Saint Exupery, noto per il suo “Il piccolo Principe”, che ha promosso i valori  di umanità e responsabilità in tutto il mondo. Allo stesso modo, la Compagnia di navigazione francese scala tutti i porti del mondo, condividendo gli stessi valori e le proprie navi sono simbolo forte della Francia. “Si tu veux construire un bateau, non devi per prima cosa affaticarti a chiamare la gente a raccogliere la legna e a preparare gli attrezzi; non distribuire i compiti, non organizzare il lavoro. Ma invece prima risveglia negli uomini la nostalgia del mare lontano e sconfinato. Appena si sarà risvegliata in loro questa sete si metteranno subito al lavoro per costruire la nave”.

Short URL: https://www.ilnautilus.it/?p=52054

Scritto da su Feb 2 2018. Archiviato come Internazionale, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab