Home » Italia, News » Porto di Livorno: al via il potenziamento ferroviario

Porto di Livorno: al via il potenziamento ferroviario

LIVORNO – Ultimato il progetto dell’Autorità di sistema del mar Tirreno Settentrionale, con sede a Livorno, per potenziare il raccordo ferroviario nel porto commerciale.
Nei giorni scorsi, spiega l’Autorità, gli uffici della direzione tecnica di Livorno hanno consegnato il progetto esecutivo per la razionalizzazione e per il riordino del raccordo ferroviario di ‘Porto Nuovo’ in città, compreso tra la via Da Vinci e via Galvani all’interno del porto commerciale, in prossimità del varco Galvani.

Una volta realizzati i lavori, il raccordo ‘Porto Nuovo’ si troverà dunque ad avere sei binari: due interni al terminal Lorenzini e quattro esterni, usati anche per le manovre e lo stazionamento dei treni. Gli stessi uffici inoltre si sono già attivati per la realizzazione di un ulteriore nuovo binario lungo via da Vinci per il potenziamento del traffico ferroviario merci, relativo al trasporto di autovetture, in arrivo e partenza da Livorno Porto Nuovo. Una volta a regime Porto Nuovo si troverà ad avere sette binari dedicati ai traffici portuali su ferro.

Il tutto in uno scenario di volumi ferroviari in crescita: da quando è stato realizzato il collegamento direttissimo tra la Darsena Toscana (che servirà in futuro anche la Piattaforma Europa) e il corridoio ferroviario tirrenico, i volumi ‘via ferro’ movimentati dal principale terminal contenitori del porto (Tdt) hanno raggiunto nel 2017, tra partenze e arrivi, i 48.331 container.

“E anche sulla sponda opposta della Darsena Toscana – spiegano ancora dall’Autorità – i terminalisti che si appoggiano al raccordo ferroviario Porto Nuovo per movimentare via treno una quota parte della propria merce, non fanno mistero di voler utilizzare, più massicciamente che non in passato, i binari del porto per spedire le proprie merci”. È per questo motivo che l’Authority livornese guidata dal presidente Stefano Corsini sta mettendo mano ad un ambizioso ‘piano del ferro’ che potrà sicuramente cambiare il volto del porto di Livorno, rendendo strategici i veri punti di forza dello scalo: un retroterra vasto e pianeggiante e un’alta capacità di penetrazione verso i mercati del Centro Europa.

Short URL: https://www.ilnautilus.it/?p=52339

Scritto da su Feb 19 2018. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab